Multicanalità, stile e tradizione: la ricetta di Gian Vargian

Multicanalità, stile e tradizione: la ricetta di Gian Vargian

Leggimi

Multicanalità, stile e tradizione: la ricetta di Gian Vargian. Gian Vargian è uno tra i brand dedicati al mondo del fashion più noti e rinomati in Italia e nel mondo. In oltre trent'anni di attività, il brand è riuscito a crearsi uno stile unico e originale e capace di essere immediatamente riconoscibile tanto tra i fashion-addicts quanto tra i consumatori. Ma che cos'è che ha reso Gian Vargian la realtà di successo che, di collezione in collezione, non cessa mai di stupire con capi d'abbigliamento sempre nuovi, freschi e originali?

Multicanalità, stile e tradizione: la ricetta di Gian Vargian.

Le ragioni per cui il brand Gian Vargian continua a stupire e a creare capi d'abbigliamento innovativi e di qualità, reinventando di continuo il proprio stile.

Tradizione e innovazione

La tradizione è fondamentale per garantire a un brand la base da cui partire. L'innovazione è il carburante indispensabile da utilizzare per ottenere un successo graduale e duraturo. È grazie a questo sapiente intrico di innovazione e tradizione che il marchio Gian Vargian è riuscito a superare la prova del tempo, aggiornandosi di volta in volta e modernizzando la propria proposta con sempre maggiore tenacia e decisione. Il brand si è sempre tenuto al rispetto delle tradizioni e degli insegnamenti dei grandi maestri del fashion. Ma la grande capacità di visione della fashion house, unita al suo sesto senso in materia di tendenze e gusti dei consumatori, ha permesso a Gian Vargian di stabilire un dialogo coerente tra passato, presente e futuro.

Artigianalità e design

Il design è di prima qualità. La cura nei dettagli è sopraffina e vanta una paziente e quasi maniacale ricerca dei particolari da risaltare. L'artigianato di eccellenza, in pieno stile Made in Italy, si sposa con una ricerca continua e costante dei colori da utilizzare. Ogni tono e nuance ha una precisa connotazione simbolica che può tradursi in un capolavoro, se si sa come sfruttarne appieno il potenziale. È per questo che le collezioni Gian Vargian sono sempre una sorpresa, stagione dopo stagione.

Scelta accurata dei tessuti di qualità

Non può esserci capo d'abbigliamento adeguato senza una selezione di tessuti di qualità e prelibatezza. Questo è un altro degli assi nella manica di Gian Vargian. Aver avuto cura di realizzare prodotti sartoriali usufruendo dei migliori tessuti, unici e pregiati e impossibili da confondere, è un valore aggiunto che i trent'anni di esperienza dell'azienda nel mondo del fashion hanno la particolarità di aver creato. Ogni modello è unico e originale, e la varietà degli articoli è tale che chiunque può trovare il capo giusto per le sue esigenze.

L’ambiente è animal free

Gian Vargian dedica un attenzione particolare all’ambiente e agli animali. L'industria della moda per fortuna è sempre più attenta e in continuo aggiornamento in proposito. Ogni anno le aziende producono materiali innovativi ed a bassissimo impatto ambientale, seguendo le linee di un'impostazione Animal Free volta a tutelare tutte le specie animali dell'ecosistema. A tale proposito, va rimarcato che nelle collezioni Gian Vargian, per scelta, non sono presenti le vere pellicce, ma solo alternative valide di diverse tipologie di fibre di alta qualità che possono essere naturali (vegetali) o artificiali e sintetiche (man-made).

Il cliente al centro di ogni scelta di Gian Vargian

Un altro dei motivi posti alla base del successo di Gian Vargian, è l'aver fin dal principio focalizzato la propria attenzione sul cliente. E non importa la tipologia di consumatori interessata. Il brand fornisce capi d'abbigliamento adatti a un target variopinto ed eterogeneo: donne e uomini di tutte le età e le taglie e di qualunque genere di stile: chic, informale, classico, sportivo. I clienti ideali di Gian Vargian sono persone dinamiche che vogliono beneficiare di un outfit comodo e chic, elegante e semplice, sofisticato e con buon gusto.

Multicanalita e sviluppo tecnologico - 4 negozi di proprietà e un e-commerce

Attualmente Gian Vargian può contare su quattro grossi negozi di proprietà e un sito e-commerce costantemente aggiornato con tutte le novità di stagione. I punti vendita sono a Legnano, a Gallarate, a Castelletto Ticino e a Varese. Quest'ultima città ha dato tra l'altro i natali a Gianfranco Ferrè, celebre e rinomato stilista, soprannominato "architetto della moda" grazie al suo stile a metà tra eleganza e solidità strutturale dei tessuti.
L’e-commerce per il consumatore evoluto secondo i dettami del digitale è una necessità assoluta. Il mondo infatti è sempre più digitalizzato, e gli acquisti si effettuano online. Non c'è prodotto o servizio che non abbia un suo corrispondente in qualche sito web o marketplace fresco di architettura. Sulla Rete si vende e si compra ormai di tutto. Inoltre, Internet è divenuto una vera e propria rete sociale dove ad avere un ruolo sempre più importante è l'engagement, l'interazione tra cliente e brand in un'ottica multicanale. Ne aveva previsto profeticamente gli sviluppi la web agency torinese Jusan Network, in occasione della sesta edizione dell'E-commerce Day. Era il 2015, e il commercio elettronico era già entrato in una fase evolutiva storica. Adesso parlare di multicanalità e vendita online è quasi scontato. Oramai, cavalcare la rivoluzione digitale non è più un optional per le aziende di moda, ma un dovere evolutivo. Proprio per questo Gian Vargian ha aperto il suo ecommerce, consapevole dell’importanza che le relazioni e il social networking hanno durante il processo di acquisto. L'azienda mette infatti a disposizione sul proprio sito web un personal shopper pronto a consigliare i prodotti più adatti al fisico del consumatore e all’occasione d’uso che intende avere. Gian Vargian garantisce inoltre un processo di acquisto sicuro, veloce e con una modalità di reso molto semplice. La spedizione avviene in tutta Europa.

Lo stile oggi è Gian Vargian! Passato, presente e futuro del fashion racchiusi nella masion lombarda Gian Vargian.