Modelli di business

Modelli di Business? Facciamo chiarezza!

Leggimi

Se vuoi vendere i tuoi prodotti o servizi non puoi esimerti dal fare marketing e creare strategie di comunicazione aziendale mirate e durature. Per vendere, tuttavia, è necessario sapere, conoscere, incallirsi nella scoperta del metodo migliore tra i tanti a propria disposizione. E soprattutto è fondamentale riconoscere la differenza che intercorre tra un modello di business e un altro.

Modelli di Business? Facciamo chiarezza!

Sigle come B2B, B2C, C2B, C2C sono all'ordine del giorno, ma siamo sicuri che tu sappia distinguerle l'una dall'altra? Vediamo di fare un po' di chiarezza a riguardo.

B2C

L'acronimo B2C sta a significare Business to Consumer e si riferisce alle vendite che il brand effettua direttamente al consumatore finale. La differenza, rispetto agli altri tipi di business, sta nel fatto che il brand dovrà avere un'influenza comunicativa maggiore nella fase di conversione da lead a prospect a cliente finale. Nel caso del B2C le strategie marketing da adottare punteranno soprattutto a suscitare nell'utente un'emozione precisa, che lo possa spronare a compiere l'acquisto.

Qual è la strategia migliore?

L'email marketing B2C è una tra le strategie più utilizzate per informare i consumatori sulle offerte promozionali più recenti e aggiornarli in merito ai prodotti appena usciti e a nuove tipologie di servizi. Anche le campagne sui Social Media e il video advertising sono vincenti, per tacere dell'influencer marketing e di altri simili metodi.

B2B

Business To Business, ovvero: scambio commerciale di prodotti o servizi tra aziende. La strategia da mettere in campo quando si parla di B2B è più formale rispetto a quella adottata nel caso del B2C. Il messaggio da comunicare all'altra azienda deve avere contenuti precisi e di alto livello che non mirino direttamente alla promozione di quanto si vende. Le decisioni d'acquisto si fondano in questo caso su un'analisi razionale, cauta e attenta. Infatti le decisioni d'impulso sono rare, se non inesistenti. I processi di scelta sono in genere complessi e strutturati, e ci vogliono anche dei mesi prima che si giunga a un qualche tipo di decisione.

La clientela B2B è in genere molto ridotta. Sicuramente lontana dai numeri che vanta il B2C, dove i consumatori sono persone normali che possono anche compiere un acquisto di getto, senza meditarci sopra troppo.

Altri acronimi di cui avrai sicuramente già sentito parlare

C2C

Il C2C è il Consumer To Consumer, un modello di business che si riferisce a una relazione tra consumatori. Il caso di eBay è emblematico nel rappresentare alla perfezione questo tipo di intesa commerciale.

C2B

Nel C2B sono i consumatori finali a offrire servizi alle aziende. Ne sono un lieto esempio i portali di crowdfunding attraverso i quali i clienti possono inviare soldi alle aziende in cambio di particolari servizi e privilegi.