informazioni legali ecommerce

Informazioni legali negli ecommerce: gli errori più comuni dei venditori italiani e strategie per evitarli

Leggimi

Vi siete mai fermati a pensare all´importanza delle informazioni legali contenute nel vostro negozio online? 

In questo articolo, Elisa Ceciliati, Esperta legale Trusted Shops, ci illustrerà i temi più ricorrenti e gli errori più frequenti che ogni venditore online dovrebbe aver ben presente.

INFORMAZIONI LEGALI

informazioni legali ecommerce

Le informazioni legali sono indispensabili per riconoscere esattamente chi si trova dietro la pagina web e sono da intendersi come il biglietto da visita del venditore online, il suo volto virtuale. L´importanza commerciale di una presentazione chiara del venditore nel sito web è palese: se il consumatore può crearsi un´idea precisa sull´identità della sua controparte contrattuale, la sua fiducia nella sicurezza del sito e nella professionalità che si può aspettare nella vendita  crescono immediatamente. E la fiducia, nel settore e-commerce, fa spesso la differenza tra un ordine portato a termine e un carrello abbandonato.

Le fonti giuridiche a riguardo sono chiare: le informazioni necessarie all´identificazione del venditore sono il nome e la denominazione sociale dell´impresa, la sua sede legale, recapiti telefonici e un’ e-mail per assicurare un contatto diretto e immediato con il venditore, nonché la sua partita IVA e il numero di iscrizione al registro delle imprese. In casi specifici dovranno esser pubblicate anche informazioni sulla composizione sociale e sul capitale versato.

INFORMATIVA SULLA PRIVACY

legge privacy_ecommerce

I dati personali possono esser raccolti ed elaborati solo nel caso in cui ciò sia previsto dalla legge o se per il loro trattamento sia stato raccolto il consenso esplicito e libero dell'utente.

La questione del consenso alla raccolta e trattamento dei propri dati personali è delicata. Normalmente, se il venditore fa compilare il formulario con dati come nome e cognome, indirizzo, numero di telefono e indirizzo e-mail per la sola esecuzione del contratto di vendita (e quindi prevedendo la comunicazione dei dati stessi a quella stretta cerchia di soggetti coinvolti), il punto non risulta molto problematico. In questo caso è infatti sufficiente l´indicazione generica di tali trattamenti e dei soggetti che sono coinvolti.

Altra questione si ha però nel caso in cui i dati siano utilizzati per comunicazioni commerciali. In questo caso la legge prevede che l´utente non solo venga informato a riguardo, ma anche che dia il proprio consenso esplicito libero e scritto al trattamento a questi fini. Tale consenso deve essere raccolto attraverso un check-box normalmente indicato con una breve dicitura “desidero abbonarmi alla Newsletter” e che risulti non preselezionato.

IL DIRITTO DI RECESSO

diritto reso ecommerce

Questo è il punto focale della normativa sui contratti a distanza data la problematica posizione del consumatore nei contratti online: la legge prevede un periodo di ripensamento di dieci giorni lavorativi, a partire dalla conclusione del contratto (in caso di servizi) o dalla consegna della merce, qualora siano stati soddisfatti gli obblighi informativi. La dichiarazione di volontà del consumatore dovrà esser resa nota attraverso una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno e spedita all´indirizzo indicato nell´informativa sul recesso o attraverso e-mail o formulari informatici (sempre se confermata nelle ventiquattro ore successive da raccomandata).

Oltre a ciò spesso viene dimenticato che il venditore deve informare sulle tempistiche della restituzione degli importi pagati, che secondo la legge deve avvenire entro 30 giorni dal momento in cui si è venuti a conoscenza della dichiarazione di recesso.

Questi e molti altri aspetti vengono presi in considerazione nel procedimento di certificazione Trusted Shops, che vi aiuta a fornire testi legali completi, informativi e al passo con le sempre più frequenti novità legislative del settore e-commerce.