autobus riccione

Turismo in Romagna, il biglietto dell'autobus si paga con il cellulare

Leggimi

Come supportare il turismo nella Riviera Romagnola? Con i pagamenti online con il cellulare dei biglietti dell'autobus. Rimini, Ravenna, Riccione e Cervia sono i comuni innovatori che dal 1 agosto, in tempo per ricevere l'ondata di turisti sull'Adriatico, lanceranno il progetto di collaborazione avviato alla fine del 2011 da Start-Romagna con Movincom mediante la piattaforma tecnologica Bemoov che permette di effettuare i pagamenti con il cellulare in assoluta sicurezza. Le quattro località turistiche della Riviera si aggiungono così ai comuni della rete urbana di Cesena, Forlì e del Cesenatico che hanno già aderito all'iniziativa.

Ci sono due modi per accedere al servizio.

Il primo è valido per tutti i possessori di un cellulare, smartphone o semplice telefonino. Basta registrarsi al sito di Bemoov associando il proprio numero di telefono al servizio di pagamento che si intende utilizzare per l'acquisto dei biglietti. A questo punto sarà possibile acquistare i biglietti inviando un SMS al numero 3424112584 con l'indicazione della tipologia di biglietto che si intende acquistare. In risposta, il servizio invierà un codice che varrà come titolo di viaggio e potrà essere mostrato al controllore.

Il secondo metodo è valido solo per gli smartphone. Si tratta dell'app gratuita Go Bemoov, eletta come migliore applicazione nella categoria Servizi al cittadino ai Mob App Awards 2013 di Torino e disponibile su Apple Store e Google Play. L'utente potrà cercare all'interno dei menu il biglietto che desidera e ordinarne per se stesso o per i suoi compagni di viaggio. Anche in questo caso riceverà un SMS con il codice di verifica da esibire in caso di controllo.

Quello romagnolo è un esempio di come le tecnologie mobile possono fornire un servizio di qualità ai cittadini. E, nel caso della Riviera, potranno differenziare questa zona dalle sue concorrenti nel settore del turismo agevolando gli spostamenti delle masse di vacanzieri con i mezzi pubblici.