Home Filiera Ecommerce Aspetti legali Pubblicità a norma di legge: Requisiti, pubblicità ingannevole e comparativa

Pubblicità a norma di legge: Requisiti, pubblicità ingannevole e comparativa

pubblicità a norma di legge EcommerceGuru

Le pubblicità ingannevole e comparativa non sono accettate nell’ordinamento italiano. Per far sì che la pubblicità sia a norma di legge deve essere palese, veritiera e corretta. Ovvero la pubblicità deve essere chiaramente riconoscibile come tale e non deve indurre in errore.

Per pubblicità deve intendersi qualsiasi forma di messaggio che sia diffuso, in qualsiasi modo, nell’esercizio di un’attività commerciale, industriale, artigianale o professionale, allo scopo di promuovere il trasferimento dei beni mobili o immobili, la prestazione di opere e di
servizi oppure la costituzione o il trasferimento di diritti e obblighi su di essi. Questa definizione la troviamo all’art. 2 del d.lgs. 145/2007.

Ma perché è necessaria una disciplina che regoli la pubblicità?

Il complesso di informazioni sintetizzato nel messaggio pubblicitario è fondamentale per una trasparente e corretta allocazione delle risorse nel mercato.

Inoltre, è necessario che il messaggio pubblicitario segua delle regole che gli permettano di svolgere la funzione che gli è propria, garantendo anche il corretto dispiegarsi delle dinamiche concorrenziali.

La pubblicità e la libertà di iniziativa economica

Partiamo da una domanda: la pubblicità è coperta dalla garanzia costituzionale della libertà di espressione di cui all’art. 21, cost.?

No, la pubblicità non è coperta dalla libertà di espressione prevista dall’art. 21, ma dalla garanzia costituzionale dell’art. 41, cost. sulla libertà di iniziativa economica ma essa deve rispettare i limiti ai relativi commi 2 e 3. Pertanto, la pubblicità non deve porsi in contrasto con l’utilità sociale e non deve essere svolta in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana..

Godono della libertà di espressione le opinioni o le informazioni che, pur essendo veicolate dalla pubblicità, non siano strettamente funzionali alla promozione di prodotti e servizi. Sono un esempio le campagne di opinione Benetton.

Pubblicità ingannevole

Una pubblicità si dice ingannevole se è tale da indurre o potere ad indurre in errore una persona, pregiudicandone il comportamento economico ovvero ledendo un concorrente.

E’ ingannevole quindi la pubblicità che, pur non essendo idonea a indurre i consumatori a prendere decisioni diverse da quelle che avrebbero altrimenti preso, per il sol fatto di poter influenzare il loro comportamento può danneggiare i concorrenti. Ovvero prescinde da un pregiudizio economico che viene definito illecito di pericolo.

La pubblicità è vietata e la sua realizzazione sanzionata dall’Agcm secondo le stesse modalità previste in generale per le pratiche commerciali scorrette.

Per determinare se la pubblicità è ingannevole si devono considerare tutti gli elementi oggettivi, in particolare:

  • i fatti relativi al prodotto o al servizio (origine, caratteristiche, metodo di produzione, etc.)
  • il prezzo e altre condizioni di offerta;
  • il soggetto da cui la pubblicità proviene.

Pubblicità comparativa

La pubblicità comparativa è una pubblicità ideata per confrontare due concorrenti, ed è lecita solo quando:

  • non è ingannevole;
  • non ingenera confusione sul mercato;
  • confronta in modo oggettivo caratteristiche essenziali e verificabili di beni o servizi omogenei;
  • non causa discredito o denigrazione del concorrente;
  • non procura all’autore di essa indebito vantaggio tratto dalla notorietà dei segni distintivi del concorrente.

In altri ordinamenti non è vista con tanto disvalore, infatti un esempio di battaglia pubblicitaria famosissima è Pepsi e Coca-cola oppure McDonald’s e Burger King. Nel nostro ordinamento è stata vista con diffidenza, perché ricadeva in quei casi di denigrazione del concorrente. Ma se si seguono certi criteri, la pubblicità comparativa consente corretta allocazione delle risorse ed è utile al consumatore.

Per saperne di più sull’ecommerce

Per commentare l’argomento unisciti al gruppo facebook di EcommerceCommunity.it e continua a seguire i nostri articoli su norme dell’ordinamento italiano utili se si possiede un ecommerce.