Home Formazione Brand portfolio management

Brand portfolio management

Il brand portfolio management è una strategia di investimento per fornire il massimo ritorno sull’investimento per l’azienda utilizzando una raccolta di marchi.

Un brand portfolio richiede una serie diversificata di investimenti. Ogni brand deve essere accuratamente selezionato per raggiungere obiettivi specifici.

Gli esperti di marketing devono allocare il proprio budget per raggiungere gli obiettivi desiderati in tutto il portafoglio richiede una visione esterna e interna.

La gestione viene fatta come gruppo, l’obiettivo principale è quello di ricevere qualcosa in più gestendo i marchi nel loro insieme, piuttosto che gestendo tutti i brand singolarmente.

Brand portfolio

Il brand portfolio si riferisce a un ombrello sotto il quale tutti i marchi o le linee di marca di una particolare azienda funzionano per soddisfare le esigenze di diversi segmenti di mercato.

In parole semplici, il brand portfolio comprende tutti i marchi offerti da una singola azienda in vendita per soddisfare le esigenze di diversi gruppi di persone. È proprio come vedere la quantità di brand nella rispettiva azienda come un portafoglio.

Viene generalmente creato perché ogni brand ha un certo confine oltre il quale non può soddisfare tutte le esigenze dei diversi segmenti di mercato.

Come iniziare a gestire il brand portfolio

Gestire i marchi in modo coordinato aiuta un’azienda a evitare di confondere i propri consumatori. Investendo nella sovrapposizione di sforzi di marketing e sviluppo del prodotto e moltiplicando i propri marchi a proprie spese piuttosto che a spese dei concorrenti.

Inoltre, eliminare le parti più deboli o inadeguate della gamma di prodotti. Un principio importante del brand portfolio management, anche se non dovrebbe essere applicato in ogni momento, consente ai marketer di concentrare le risorse sui marchi rimanenti più forti e di posizionarli in modo distintivo. Riduce così la complessità dello sforzo di marketing e contrasta la diminuzione dell’efficienza e dell’efficacia dei media tradizionali e dei canali di distribuzione.

Quando si tratta di gestione del brand portfolio, le società madri devono affrontare un compito arduo per quanto riguarda la priorità dei loro brand portfolio per la massima crescita.

Come mettere in pratica la teoria nel brand portfolio management

In parte stabilendo ruoli, relazioni e confini chiari per i loro marchi. All’interno di queste linee guida, dando ampio spazio ai singoli brand manager, soggetti alla supervisione di una persona responsabile del portafoglio nel suo insieme. Anche gli obiettivi top-down, come per esempio, il recente desiderio di P&G di eliminare i marchi che non sono i primi due nelle loro categorie. Essi svolgono un ruolo importante, a condizione che gli obiettivi siano informati da una profonda comprensione delle esigenze dei consumatori.

Inoltre, poiché le nuove strategie di portafoglio spesso provocano reazioni da parte dei concorrenti e hanno conseguenze impreviste, le aziende dovranno cambiare l’organizzazione per facilitare risposte rapide e coordinate per il portafoglio nel suo insieme e per i singoli marchi.

Metriche solide che mettono in evidenza cambiamenti imprevisti sono fondamentali per entrambi.

Leggi anche: Le componenti chiave della brand identity

Se sei un imprenditore digitale e sei interessato a creare un business di successo? Non perderti l’undicesima edizione di EcommerceDay! Il 29 e 30 settembre 2022 si terranno due giornate di formazione con i più grandi esperti di marketing digitale, ecommerce, new retail ed omnichannel.

CONSULTA IL SITO UFFICIALE DI ECOMMERCEDAY