Errori 620x378 2

Business online? Occhio alla grammatica

Leggimi

Si tratta di una questione alla quale si è soliti prestare poca attenzione, ma la sua importanza è fondamentale. Gli errori grammaticali possono impattare negativamente il vostro business, traducendosi automaticamente in una perdita copiosa tanto di vendite quanto di brand reputation.

Business online? Occhio alla grammatica

Sono sempre più gli studi e le ricerche che affermano, marcano e ricalcano l'importanza della padronanza linguistica nel garantire attività di business floride e di successo. Un'ortografia accurata è uno dei fattori capaci di impattare con più forza la credibilità di un sito web. Per questo motivo è bene tenere a bada tutta una serie di questioni relative agli errori grammaticali e al loro rapporto con il vostro business, in modo tale da evitare perdite di guadagni e di reputazione.

Errori di ortografia:

Un recente studio condotto da Grammarly su un campione di 100 profili su LinkedIn (parlanti nativi di lingua inglese) attivi nell'industria del commercio elettronico, ha rivelato risultati molto curiosi. Ognuno degli attori professionisti interpellati ha lavorato per conto di tre datori di lavoro nei primi dieci anni della sua attività. Di questi, circa la metà è stata promossa a un ruolo da dirigente o poco più oltre, mentre l'altra non è stata interessata da alcun cambiamento. Al termine del sondaggio, è stato scoperto che:

- Gli attori professionisti che avevano fallito nell'ottenere una promozione erano gli stessi che avevano commesso errori grammaticali due volte e mezzo in più rispetto ai loro colleghi dirigenti, sempre all'interno dei primi dieci anni di attività.
- Pochi errori grammaticali coincidono con maggiori opportunità di promozione. Lo studio ha riportato come le possibilità di ottenere una promozione siano state minori per i dipendenti che avevano commesso il 45% degli errori in più rispetto ai loro colleghi nel medesimo arco di tempo (10 anni).
- Pochi errori grammaticali sono correlati a numerosi cambiamenti di lavoro. Quelli che sono rimasti nella stessa azienda per più di dieci anni hanno commesso il 20% di errori grammaticali in più rispetto a colleghi che hanno cambiato fino a sei lavori diversi nel medesimo arco di tempo.

La credibilità sul web è la prima cosa

Il vostro sito web è il primo punto di contatto con i vostri clienti potenziali, ed è quindi responsabile delle prime impressioni che costoro avranno modo di farsi circa il vostro operato. Di conseguenza, esso è una fonte importante di ricavi futuri su cui occorre concentrarsi a fondo.

Vi sono molti tipi di credibilità, che possiamo ricondurre a quattro tipi principali, secondo un modello che si ispira a quanto teorizzato dallo scienziato B.J. Fogg:

- Credibilità presunta: una credibilità fondata su considerazioni generali, come la preminenza di valore di un brand famoso rispetto a uno sconosciuto
- Credibilità stimata: credibilità che trae vigore dai racconti di altre persone (un amico che parla bene di un servizio o prodotto, ecc.)
- Credibilità di superficie: credibilità che può essere dimostrata sulla base di una veloce ispezione (dall'aspetto pratico e flessibile di un sito web, alla semplicità di utilizzo, ecc.)
- Credibilità sperimentata: basata sull'esperienza personale.

Uno dei punti su cui bisogna concentrarsi ha a che fare con la povertà grammaticale. Tenendo bene a mente l'importanza cruciale che la prima impressione può avere per un potenziale cliente, dovrete impegnarvi a garantire che i contenuti da voi postati siano esposti con una proprietà di linguaggio quasi da encomio, sostenuta e ricca e corretta. In caso contrario, gli utenti online potrebbero convincersi della scarsa qualità dei vostri prodotti o servizi.

Errori di spelling letali per il business, secondo quanto riportato dalla BCC

Un imprenditore di nome Charles Duncombe, in un recente articolo della BBC, ha affermato che un singolo errore di ortografia è capace di impattare in maniera estremamente negativa le vendite online, fino al punto da dimezzarle. La ragione di una simile realtà scaturisce dal fatto che il 99% del tempo speso per comunicare su Internet viene utilizzato in forma scritta. Risulta inevitabile allora che l'importanza di contenuti impeccabili sia tanto vitale e rilevante.

Come si può fare, allora, per evitare di incorrere in errori fatali per la propria attività online? Ci proponiamo di elargire tre consigli molto semplici, utili a tutti:

- Leggere e rileggere i contenuti postati, anche al contrario: questo metodo è particolarmente efficace per sgominare anche gli errori più piccoli e nascosti, oltre che ad avere un'idea più chiara e globale di quanto si ha avuto modo di scrivere e argomentare.

-  Far leggere a qualcun altro i contenuti postati: è sicuramente una strategia vincente, secondo quel detto antico che dice che "quattro occhi vedono meglio di due".

- Leggere ad alta voce: grazie a questo particolare esercizio, sarete in grado non solo di scovare eventuali errori grammaticali presenti nei vostri contenuti, ma sarete anche capaci di adeguare la scrittura al vostro modo di parlare.