Pagamenti mobile: il futuro è il touch commerce

Leggimi

Meno pratiche lunghe e tediose in materia di pagamenti online. Quest'anno, il touch commerce potrà dare uno scossone ai sistemi di pagamento su dispositivi mobile, velocizzandone le procedure e semplificando l'approccio. 

Man mano che i consumatori si mettono sempre più a loro agio per quanto riguarda l'acquisto sugli smartphone, si prevede che il numero degli utenti impegnati a utilizzare piattaforme di pagamento touch-oriented per il checkout mobile aumenterà del 150 per cento, quest'anno, in base a un recente sondaggio a opera di Deloitte Canada.

Stando alla ricerca, viene messo in luce il fatto che i pagamenti effettuati su mobile devices continueranno a crescere e svilupparsi, approdando a una diffusione su larga scala, stimolati dal grande successo e dall'efficacia delle piattaforme di pagamento attualmente in vigore, quali Apple Pay, così come certi strumenti di lettura delle impronte digitali, come Touch ID. Quest'anno, il sistema dei servizi di pagamento touch-based per effettuare acquisti via mobile è destinato a coinvolgere oltre un milioni di utenti nel solo Canada.

Pagamenti mobile: il futuro è il touch commerce

Lo sviluppo della tecnologia sugli smartphone e i siti web online corre di pari passo con l'affermarsi di questa nuova realtà digitale. I consumatori non saranno più costretti a compilare le pagine di acquisto dei prodotti loro interessati, dal momento che basterà loro avvalersi dell'utilizzo delle impronte digitali per completare le transazioni. Le piattaforme di pagamento mobile potranno registrare le informazioni uniche di ciascun utente una volta completata la prima transazione, e conservarle per gli acquisti successivi. Questo trend è destinato ad avere un impatto significativo sulle vendite via mobile. Il touch commerce aiuterà i rivenditori a ridurre il tempo che gli utenti dovranno spendere sui loro dispositivi mobile, nonché avere un ruolo predominante nel dimezzare il numero dei carrelli abbandonati, il quale spesso si attesta nei casi più gravi tanto sugli smartphone quanto sui tablet, all'80%.

Il touch commerce, forte del contributo di piattaforme di terze parti, potrà rimuovere tutti gli aspetti negativi che circondano la nomea delle transazioni mobile e trasformare l'intero processo, che può essere lungo e sottostare a una serie di passaggi trascurabili, a un'unica azione, una semplice impronta digitale, o uno o due tocchi sullo schermo dei dispositivi stessi. Chissà che in futuro non si arrivi a servirsi di un semplice pulsante "buy now" per tradurre in realtà tutti i tipi di transazioni online, elementarizzando il processo ai minimi termini che tutti i consumatori sperano tanto di poter trovare.

Tutti i rivenditori che si mostreranno interessati a considerare questa nuova realtà digitale, e a farne uso di conseguenza, non potranno che vedere le proprie vendite incrementare gradualmente e in maniera marcata.