Come posizionarsi sui motori di ricerca nel 2015

5 Tendenze SEO del 2015 per l'e-commerce

Leggimi

Il posizionamento sui motori di ricerca è un aspetto fondamentale da tenere in considerazione: occorre una strategia precisa ed un budget dedicato, per ottenere maggiore visibilità sul web ed aumentare le vendite. Ecco di seguito 5 tendenze Seo da seguire nel 2015, per migliorare il proprio posizionamento online:

1. Produrre contenuti mobile-friendly

La crescita costante del traffico da mobile ha avuto un grande riscontro anche nella vendita online. Nel 2014, gran parte degli ordini a livello globale è stato effettuato da dispositivi mobili piuttosto che da computer. Risulta evidente quanto sia importante scegliere un tema responsive per il proprio shop online facile da navigare e con schede di prodotto ricche di informazioni e molte immagini. La maggiore parte degli utenti, infatti, tende ad utilizzare il proprio smartphone, per informarsi e confrontare prezzi e caratteristiche, per poi effettuare l’acquisto dal desktop.

Un altro consiglio, è quello di utilizzare gli strumenti di Google per mostrare direttamente nei risultati di ricerca delle informazioni aggiuntive importanti sulla propria attività. Questo consente di migliorare il proprio ranking in base agli algoritmi di Google, i quali tendono sempre di più a favorire siti web e contenuti ottimizzati per la navigazione da mobile. Entro la fine del 2015, infatti, potremmo assistere alla scomparsa dei siti in modalità desktop dai risultati delle ricerche effettuate dagli smartphone. Ciò significa che se non si rendono i propri contenuti mobile-friendly, si rischia di essere tagliati fuori dal mercato in meno di un anno.

2. Il Social Commerce: convertire il traffico in vendite grazie ai Social Media

Grazie all’utilizzo dei Social Media, sta emergendo un comportamento d’acquisto particolarmente spontaneo e naturale. Gli utenti spendono sempre più tempo sui social ed è qui che si lasciano attirare dagli annunci sponsorizzati, in cui si parla di quel prodotto o servizio legato ai loro interessi personali. Facebook per ora, è il canale che consente maggiormente di convertire traffico in vendite, grazie al servizio di advertising offerto dalla piattaforma. Tuttavia anche gli altri social media si stanno dotando di un servizio di promozione online, come ad esempio Twitter e Pinterest.
Le operazioni di advertising sui Social sono quindi un altro punto fermo da includere nel proprio piano di marketing per aumentare le visite al proprio negozio online e convertirle in vendite.

3. L’importanza del Video

Youtube e Facebook sono i canali dai quali risulta il numero più elevato di visualizzazione di video in assoluto, ma esistono molte piattaforme di successo per la creazione e la condivisione di filmati e video come Vimeo e Instagram. Uno dei punti di forza di Facebook è l’autoplay grazie alla quale è possibile attirare l’attenzione degli utenti ed ottenere visibilità, anche se questi non cliccano per la riproduzione completa. Pensare ad una storia legata ai propri prodotti o servizi e rappresentarla attraverso dei video accattivanti ed emozionanti è una strategia efficace per fare branding e costruire un posizionamento grafico forte. Come dichiarato da Facebook, più del 65% delle visualizzazioni di video avvengono su dispositivi mobili, i quali si sostituiscono ormai ai mass media e permettono di raggiungere il proprio pubblico 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

4. Individuare e utilizzare le parole chiave nel modo corretto

Un modo semplice per individuare le parole chiave strategiche per il proprio business è quello di pensare a come noi stessi cercheremmo il nostro prodotto o servizio sul web, quali informazioni ci piacerebbe trovare ed a quali contenuti potremmo essere interessati. Ma chi crede che basta riempire di parole chiave i testi delle pagine web si sbaglia. Gli algoritmi di Google sono sempre più in grado di comprendere il valore semantico di ciò che scriviamo, favorendo quei contenuti che possono davvero interessare agli utenti, perché capaci di rispondere a delle precise domande, fornire recensioni ed una serie di informazioni relative ad un particolare argomento. In questo modo sarà possibile includere un più ampio numero di keywords tematiche, piuttosto che concentrarsi su pochi e singoli termini. Il risultato sarà che Google valuterà i nostri contenuti particolarmente interessanti e utili per gli utenti, trasformandosi sempre di più da motore di ricerca a motore di “risposta”.

5. Creare una rete di relazioni anziché di link

Un elemento importante per il SEO negli anni passati era la richiesta e l’acquisto di link esterni da diversi siti, così come l’inserimento di molti link interni al proprio sito, utilizzando sempre le stesse parole chiave come anchor text. Oggi è importante prestare attenzione all’autorevolezza dei siti che contengono link al proprio sito web: più questa è elevata e più si otterrà una valutazione positiva da parte di Google, per questo occorre fare un’attenta selezione. Come prima cosa basterà stare lontano dai siti che praticano lo spam e dalle piattaforme che vendono link. Altrettanto importante, è l’utilizzo di diverse anchor text ed il collegamento a diverse pagine di destinazione. Ma ciò che veramente differisce dal passato è l’importanza delle relazioni che si possono creare grazie alla qualità dei contenuti che si pubblicano in rete. Non serve sempre pagare per ottenere link: avere delle schede di prodotto e degli articoli del blog ben curati, basterà a fornire nuovi link e a far aumentare le visite al proprio sito web. Saranno quindi i nostri stessi follower a condividere i nostri contenuti ed a generare ancora più traffico.

Fonti:

  • PrestaShop
  • Forbes
  • Facebook per le aziende 

Se sei interessato ad approfondire l'argomento per capire come ottenere maggiore visibilità sul web ed aumentare le vendite del tuo shop online, contattatci subito:

Nome e Cognome

La tua e-mail

La tua richiesta

Dichiaro di aver letto e accettato l’informativa sulla privacy ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679.

Codice Captcha
captcha