E-mail marketing

Spunti preziosi per potenziare l'e-mail marketing

Leggimi

Di tutte le sfide che gli addetti all'e-mail marketing si trovano ad affrontare, uno degli ostacoli maggiori da superare è la cosiddetta crescita della lista dei contatti: in che modo, cioè, questa crescita risulti stabile nel tempo e possa beneficiare di prospettive di sviluppo ulteriori.

Qui di seguito vi offriamo un paio di consigli utili per tenere la vostra lista e-mail attiva e in costante crescita
durante tutto il corso delle vostre campagne marketing.

Incrementare la lista contatti: metodo organico o metodo inorganico?

Ci sono due metodi principali per far crescere una lista di contatti e-mail: il metodo organico e il metodo inorganico.

Di questi, il secondo è da evitare a tutti i costi. Il modello organico prevede in sostanza l'acquisto della lista e-mail. Questa strategia è assolutamente sconsigliabile, perché gli iscritti, nel caso non avessero scelto consapevolmente o esplicitamente di iscriversi alle e-mail, difficilmente risponderanno alle stesse, con il rischio ulteriore di considerare tali e-mail nient'altro che spam.

Per tanto è preferibile avvalersi del metodo organico. Una delle maniere migliori per una rapida crescita della lista consiste nel collezionare indirizzi e-mail presso tutti i punti d'acquisto, sia online che offline. Se qualcuno sta comprando i vostri prodotti, sarà sicuramente qualcuno che appartiene alla vostra lista contatti.

Iscriversi alla lista e-mail dev'essere semplice e valorizzato:

Un altro aspetto fondamentale da considerare attiene alla cosiddetta iscrizione alla community da visualizzare nella vostra homepage.

Spesso, l'iscrizione alla lista dipende proprio da come il form di registrazione viene esposto nel front-office (in fondo alla pagina, o appena sotto un'immagine del prodotto, in alto, sulla colonna di destra, ecc.).

Bisogna convincere i clienti online a far parte della vostra lista e ci sono varie modalità efficaci per farlo: offrire buoni per un primo acquisto, per esempio, o creare contest o contenuti gratuiti da scambiare con l'e-mail dell'utente. Quest'ultimo deve sentirsi a proprio agio a tal punto da ritenere che la vostra lista sia la migliore di tutte, in quanto a vantaggi e benefici.

Una volta ottenute le e-mail, occorre assicurarsi che i contatti siano intenzionati a rimanere all'interno della lista.

Il contenuto è la chiave:

Il contenuto dell'e-mail è fondamentale: presentare un testo accattivante è la chiave per guadagnare e mantenere nuovi clienti. Molti professionisti dispongono almeno di un'e-mail di benvenuto che ringrazia i nuovi utenti per essersi iscritti, in genere offrendo loro un buono da utilizzare.

Una sola mail, però, non basta per creare una solida user-base. Converrebbe infatti inviare all'utente più messaggi (da due a sei) volti a promuovere le varie sezioni del sito, puntare sul valore dei contenuti e fornire informazioni chiare e precise sulla natura dei servizi che il cliente è interessato ad avere.

Solitamente, gli utenti abbandonano una lista quando smettono di interessarsi ai contenuti proposti al suo interno. Bisogna assicurarsi di offrire loro la possibilità di spiegare di quali tipi di contenuto hanno bisogno e quando hanno intenzione di riceverli.

Un'esperienza positiva e reiterata

Infine, bisogna assicurarsi che gli utenti abbiano una customer experience positiva. E' consigliabile smettere di inviare messaggi di marketing a utenti che negli ultimi tre mesi non abbiano aperto le vostre e-mail nemmeno una volta. Per questi ultimi, conviene invece ricostruire un percorso di coinvolgimento tale da incoraggiarli a rimanere sulla lista e rivelare ciò che vogliono ricevere.

Inviare l'e-mail giusta al tempo giusto darà avvio a campagne marketing di straordinario successo.

Proprio per questo motivo la Jusan Network, e-commerce agency di Torino, è impegnata da anni in attività di e-mail marketing studiate per rispondere in maniera puntuale a tutte le esigenze dei clienti, dai servizi di Newsletter a campagne DEM (Direct Email Marketing), base ideale per azioni di nurturing che accompagnino il consumatore per tutta la durata del processo d'acquisto: dalla consapevolezza del brand o del prodotto, alla conversione vera e propria.