Remarketing

Il remarketing su Google Adwords per massimizzare le vendite estive

Leggimi

Un utente arriva sul sito Internet e se ne va senza acquisti? Come fare a recuperarlo? Una soluzione può essere una campagna di remarketing con Google Adwords. Pensiamo in questo periodo estivo a tutti i siti di viaggi e booking online, oppure agli ecommerce che vogliono massimizzare le vendite prima le vacanze. È dedicato a loro il webinar che Google ha trasmesso per spiegare come realizzare campagne di remarketing efficaci.

L'esempio è quello di Mario, venditore pugliese di taralli che vorrebbe massimizzare le sue vendite in tempi brevi in modo da guadagnare la somma necessaria per portare la sua famiglia in vacanza. Come fare? Nel corso del webinar Alessia e Valentino del team di Google hanno fatto una simulazione di una possibile campagna di remarketing per promuovere il gustoso biscotto pugliese e riportare sul sito di ecommerce i visitatori che hanno abbandonato il carrello.

Quali strategie adottare

La strategia in questo caso può essere quella di creare un elenco per il remarketing che includa quelli che hanno la pagina dedicata ai taralli ma poi non hanno completato la conversione all'acquisto. Come? Si parte da un elenco per il remarketing che comprende tutti quelli che hanno visitato la pagina specifica dedicata ai taralli e si sottraggono quelli che non hanno effettuato l'acquisto. Come? Ci possono essere due modi.

  1. Si sottrae l'elenco di tutti quelli che hanno visualizzato la pagina di ringraziamento che viene aperta automaticamente dopo l'acquisto. Ma il requisito fondamentale è ovviamente che questa pagina sia presente.
  2. Se sono stati creati da Google Adwords elenchi specifici delle conversioni, si possono usare questi come secondo termine della sottrazione.

Gli annunci display

Cosa si ottiene con questa campagna? Tutti i visitatori che erano interessati a taralli ma per qualche motivo non hanno completato l'acquisto vedranno degli annunci display (creati appositamente) nei siti Internet che ospitano la pubblicità di AdSense. In questo modo verranno colpiti dalla pubblicità solo gli utenti che sono realmente interessati ai taralli e che non hanno ancora completato l'acquisto.