Home Formazione 5 consigli per creare una partnership multi-stakeholder efficace

5 consigli per creare una partnership multi-stakeholder efficace

Le partnership multi-stakeholder coinvolgono organizzazioni di diversi settori sociali lavorare insieme, condividono i rischi e si combinano le loro risorse e competenze uniche.

Il numero di partnership multi-stakeholder per lo sviluppo è cresciuto negli ultimi decenni.

Le Nazioni Unite hanno persino fissato un obiettivo di sviluppo sostenibile specifico per le partnership multi-stakeholder. In effetti, l’idea di riunire grandi aziende, governi, organizzazioni non profit e mondo accademico verso una causa sociale è attraente: può creare sinergie, condivisione dei costi, apprendimento reciproco, potere di lobbying e innovazione.

In questo articolo vedremo i cinque consigli per creare una partnership multi-stakeholder efficace.

Allineare gli stakeholder attorno ad una strategia chiara ed esplicita

La mancanza di una strategia chiara è un errore comune a molte partnership multi-stakeholder, che si rendono conto che mettere insieme attori complementari non è sufficiente.

Poiché i diversi attori provengono da contesti diversi con filosofie diverse, quindi agende potenzialmente divergenti, la strategia della coalizione non emergerà spontaneamente.

Pertanto, la formulazione della strategia non può essere lasciata implicita. In caso contrario, le incomprensioni e le tacite incongruenze si accumuleranno nel tempo e riappariranno per creare ingorghi quando sono necessarie decisioni e azioni.

Il tempo che si spende per formulare, condividere e reiterare una strategia chiara, soprattutto nelle fasi iniziali, quando la coalizione viene lanciata e vengono cooptati nuovi partner, è tempo ben speso.

Leggi anche: Cos’è uno stakeholder e perché è importante?

Portare lo stretto necessario

Quali partner dovrebbero essere invitati attorno al tavolo?

Intuitivamente, le organizzazioni leader del settore porteranno il livello necessario di credibilità, risorse e ambizioni. Ma bisognerebbe portare lo stretto necessario.

Tuttavia, la selezione dei membri non si limita alle organizzazioni e dovrebbe comprendere le persone che le rappresenteranno effettivamente, prenderanno le decisioni importanti e creeranno slancio.

In effetti, l’esperienza mostra che le coalizioni di sviluppo multi-stakeholder sono troppo spesso afflitte da processi decisionali ingombranti e sporadici, anche se l’impegno finanziario delle organizzazioni partner è in realtà limitato.

Creare una segreteria efficiente

L’anzianità richiesta dei membri ha una conseguenza: probabilmente avranno poco tempo per la partnership su base giornaliera.

Il numero e la varietà dei partner attorno al tavolo tende a diluire ulteriormente il senso di responsabilità.

Pertanto, qualsiasi coalizione multi-partner di successo ha bisogno di un segretariato forte e dotato di risorse adeguate, che dovrebbe essere responsabile del suo progresso.

Mantenere la comunicazione asciutta nella fase iniziale

Le coalizioni in fase iniziale tendono a destinare una quota significativa del loro budget alle comunicazioni. Internamente, un po’ di pubblicità è fondamentale per attirare l’attenzione dei massimi livelli all’interno delle organizzazioni associate e aumentare la motivazione dei dipendenti.

Esternamente, la comunicazione è necessaria anche per attirare nuovi membri o raccogliere fondi.

Tuttavia, la comunicazione nella fase iniziale è un’arma a doppio taglio.

In primo luogo, potrebbe ritorcersi contro sé i risultati effettivi non soddisfano gli obiettivi comunicati.

In secondo luogo, attirare l’attenzione dei giornalisti è molto più difficile quando le coalizioni non hanno risultati tangibili da mostrare.

Considerare gli sponsor come clienti

L’avvio di partnership multi-stakeholder è costoso. L’ordine di grandezza per qualsiasi coalizione di alto livello sarebbe di pochi anni e qualche milione di dollari USA, e farà sicuramente affidamento sulle donazioni dei membri o sulle sovvenzioni di soggetti esterni.

Tuttavia, le donazioni e le sovvenzioni sono sempre accompagnate da vincoli, che possono aggiungere un altro livello di complessità nella costruzione della strategia di partnership e potrebbero scomparire brutalmente non appena i donatori inizieranno a dubitare della logica di un finanziamento aggiuntivo.

Quindi, considerare i donatori come clienti, piuttosto che come semplici sponsor, può essere molto utile. A condizione che i servizi offerti rimangano coerenti con la strategia e la filosofia generali della partnership.

Il 29 e 30 Settembre 2022 torna dal vivo EcommerceDay: due intere giornate dedicate al mondo dell’e-commerce, dell’omnichannel e del new retail dove si possono incontrare i più grandi professionisti del settore.

CONSULTA IL SITO UFFICIALE DI ECOMMERCEDAY