Home Formazione Come fare un’analisi SWOT

Come fare un’analisi SWOT

Se si vuole prosperare in un mercato competitivo, bisogna valutare le condizioni della tua attività, dentro e fuori. Internamente, c’è bisogno di capire cosa stai facendo bene e dove potresti migliorare. Esternamente, occorre considerare dove portare la propria attività dopo e prevedere le sfide dei mercati emergenti che probabilmente si dovranno affrontare.

Ottenere queste informazioni può sembrare un compito difficile, soprattutto se si è un piccolo imprenditore o lavori come marketer per un’azienda più piccola, ma non deve essere complicato. Per iniziare, tutto ciò che serve è carta e penna.

Per ottenere queste informazioni ci serve l’analisi SWOT: questa strategia permette di valutare la propria attività, semplificare la pianificazione aziendale e sviluppare una strategia aziendale più forte.

Analisi SWOT

Un’analisi SWOT è il processo per scoprire ed esaminare diversi aspetti della tua attività ed organizzarla in una semplice griglia 2X2.

Ad ogni quadrante della griglia corrisponde una lettera dell’acronimo SWOT. L’acronimo sta per Strenghts (punti di forza), Weaknesses (punti di debolezza), Opportunities (opportunità) e Threats (minacce).

Leggi anche: Analisi SWOT: cos’è e a cosa serve

Strenghts (punti di forza)

I punti di forza sono cose che la tua azienda sta già facendo bene, le risorse uniche che il tuo team possiede o qualsiasi vantaggio competitivo che hai. I punti di forza sono fattori interni, quindi puoi sfruttarli e usarli a tuo vantaggio.

È importante ricordare che i punti di forza sono cose su cui si ha il controllo, così ci si può costruire sopra in seguito.

Weaknesses (punti deboli)

I punti deboli sono aree in cui la tua attività potrebbe migliorare, dove sono necessarie risorse o aree in cui i tuoi concorrenti ti stanno superando. Le debolezze sono anche fattori interni, quindi spesso puoi affrontarle e superarle.

Come i punti di forza, la sezione dei punti deboli richiede di guardarsi dentro.

Opportunities (opportunità)

Le opportunità sono aree di cui puoi approfittare ora. Queste potrebbero essere nuove risorse a tua disposizione, tendenze emergenti a cui potresti appoggiarti o qualsiasi punto di forza che devi ancora adottare nella tua strategia. Come le minacce, le opportunità sono fattori esterni perché sfuggono al tuo controllo.

Tuttavia, sapere dove sono le opportunità, ti consente di avvicinarti ad esse.

Threats (minacce)

Le minacce sono tutto ciò che potrebbe avere un impatto negativo sulla tua attività dall’esterno o qualsiasi ostacolo che la tua attività deve attualmente affrontare. Di solito puoi avere un’idea delle minacce o della concorrenza della tua azienda quando esegui un’analisi di mercato. Come fattore esterno, le minacce sono spesso al di fuori del tuo controllo ma si possono pianificare attivamente.

Quando bisognerebbe fare un’analisi SWOT?

Non esiste un momento giusto o sbagliato per fare un’analisi SWOT. Ci sono, tuttavia, momenti in cui un’analisi SWOT può essere particolarmente utile.

Uno di questi potrebbe essere quando le condizioni aziendali interne cambiano. Forse hai un nuovo CEO, la tua attività sta crescendo rapidamente o i reparti sono in fase di ristrutturazione.

Oppure ragionando esternamente, quando le condizioni del mercato esterno cambiano. Nuovi concorrenti, mutevoli condizioni economiche, normative e altri cambiamenti nel mercato possono lasciare le aziende bisognose di riflessione.

Anche prima della pianificazione strategica. Quest’ultima implica nuove iniziative e modifiche nell’allocazione delle risorse. È utile conoscere le condizioni attuali della tua azienda o del tuo team in modo da poter prendere decisioni lungimiranti.

Infine, si potrebbe anche condurre un’analisi SWOT su base programmata. Sebbene la maggior parte delle aziende esegua una pianificazione strategica ogni pochi anni, non farebbe male eseguire un’analisi SWOT su base più regolare.

Limiti dell’analisi SWOT

L’analisi SWOT non è esente dai suoi limiti.

Può indurre le organizzazioni a considerare le circostanze come molto semplici a causa delle quali le organizzazioni potrebbero trascurare determinati contatti strategici chiave che potrebbero verificarsi.

Inoltre, classificare gli aspetti come punti di forza, di debolezza, opportunità e minacce potrebbe essere molto soggettivo in quanto vi è un grande grado di incertezza nel mercato.

L’analisi SWOT sottolinea il significato di questi quattro aspetti, ma non dice come un’organizzazione possa identificare questi aspetti da sola.

Ma dato che le informazioni sono presentate in una griglia di facile lettura, se l’analisi SWOT verrà organizzata in maniera rapida e diretta, la tua attività sarà più facile da valutare.

Se vuoi saperne di più sul mondo del marketing, delle strategie ad esso legate, segui l’evento di formazione sull’universo ecommerce, il digitale e non solo, EcommerceDay torna in presenza il 29 e 30 settembre 2022.

CONSULTA IL SITO UFFICIALE DI ECOMMERCEDAY

Articolo precedenteCo-creazione di valore: relazione azienda-consumatore
Prossimo articoloOutbrain rivela le date della sua Conferenza Annuale per gli inserzionisti