Home Articoli Google Shopping: Badge per le prestazioni e le sue funzionalità

Google Shopping: Badge per le prestazioni e le sue funzionalità

Google sta aggiungendo nuovi tools per i brand ecommerce nel suo servizio di Google Shopping con l’obiettivo di fare concorrenza ad Amazon. Le nuove funzionalità un nuovo programma di rating per l’esperienza degli acquisti online e informazione addizionali riguardo ai trend dei prodotti di punta che aiutano a gestire le proprie strategie di pricing e di marketing.

Il programma Google shopping, per ora disponibile solo negli Stati Uniti, aiuterà i commercianti nella costruzione della reputazione tramite il monitoraggio della customer experience.

La Google Shopping Experience Scorecard

Una delle aggiunte di Google è una nuova Shopping Experience Scorecard program. La funzione garantirà ai compratori un altro modo per raccogliere informazioni riguardo ogni venditore basato su attività precedenti.

I venditori con i voti più alti riceveranno un badge “trusted vendor”, ovvero venditore di fiducia. Come indicato da Google stesso “I commercianti che forniranno un servizio di spedizione e di reso eccellenti, potranno ricevere un badge che gli descrive come un venditore di fiducia, che apparirà affianco alla loro lista di prodotti nella shopping tab.

Il badge si riceve sulla base della performance relativa agli altri venditori, includendo velocità di spedizione, costi di spedizioni e resi.

Come fa Google a misurare gli elementi della Shopping Experience Scorecard

Google, per misurare gli elementi della Shopping Experience Scorecard, utilizzerà il suo processo di overview, con i badge che saranno affidati sulla base della performance di ogni venditore.

Il programma monitorerà l’esperienza che il venditore è in grado di fornire ai clienti in diverse aree. Tra queste la velocità di spedizione, costi di spedizione, costi relativi ai resi e la finestra temporale dei resi (ovvero i giorni che il cliente ha a disposizione per richiedere il reso dei prodotti acquistati). Il programma assegnerà un rating di “eccellente”, “comparabile” o “opportunità” su ogni metrica.

Leggi anche: Come utilizzare Google Alert nel digital marketing

Le funzionalità di Shopping Experience Scorecard

Per quanto riguarda le funzionalità di questo nuovo sistema Google sostiene che, con i primi test, i venditori che mostravano un Trusted Store Badge avevano più possibilità di ricevere click. Di conseguenza aiuta anche l’indirizzo del traffico verso venditori meno conosciuti.

Queste funzionalità assomigliano ai programmi di rating di Amazon ed eBay, permettendo di avere ulteriori dettagli riguardo la performance di ogni venditore.

Quindi sarà una guida alle attività di shopping dei consumatori che ricevono più potere per effettuare le decisioni. Questo spinge le aziende ad alzare l’asticella della competizione, puntando ad offrire servizi ancora più eccellenti e trasparenti. 

Google punta a diventare un competitor di Amazon in ambito ecommerce. I suoi servizi, che momentaneamente vengono testati negli Stati Uniti, hanno le potenzialità per irrompere nel mercato su scala globale. Per essere aggiornato su questi argomenti ed approfondire ancora di più il mondo dell’ecommerce partecipa ad EcommerceDay

Il 29 e 30 settembre 2022 si terranno due giornate di formazione, sia a Torino che online. Parteciperanno i più grandi esperti di marketing digitale, ecommerce, new retail ed omnichannel in cui potrai approfondire le tue conoscenze nel settore e imparare direttamente dai migliori, non mancare!

VISITA IL SITO DI ECOMMERCEDAY

Articolo precedenteSocial Commerce: I trend da considerare per il 2022
Prossimo articoloLockdown Shanghai: l’effetto sulle supply chain globali e sull’economia
Ecommerce Guru è il portale italiano dedicato all’e-commerce. Informazioni, approfondimenti, novità, guide e consigli utili per realizzare e gestire il vostro canale di ecommerce.Il Guru ti spiega tutto questo e risponde alle tue domande dal 2010.