Home Articoli Cosa succede ai resi Amazon?

Cosa succede ai resi Amazon?

Amazon

Nel 2022, fare il reso di un pacco con Amazon è piuttosto semplice, per lo più delle volte gratis ed efficiente. Proprio sapendo che questo servizio è così comodo, spesso non diamo troppo peso agli acquisti che facciamo su questa piattaforma, ma in generale gli acquisti che facciamo online, tanto si può fare il reso.

Ma sappiamo veramente cosa succede ai resi Amazon?

L’indagine sui resi di Amazon

Siti web come Amazon rendono l’elaborazione di un reso facile quasi quanto effettuare un ordine con un clic.

Recentemente, un’indagine ha monitorato la traiettoria di una serie di resi Amazon con localizzatori GPS posizionati di nascosto e i risultati forniscono molte informazioni su dove finiscono i resi Amazon.

Per scoprire una volta per tutte cosa fa Amazon con i prodotti restituiti, la testata giornalistica canadese CBC Marketplace ha recentemente collaborato con Basel Action Network, un’organizzazione no-profit per la giustizia ambientale.

Per procedere con l’indagine, CBC Marketplace ha acquistato 12 articoli casuali da Amazon Canada. A tutti questi articoli, il team ha collegato un localizzatore GPS all’interno e li ha restituiti ad Amazon.

Dove sono finiti i prodotti Amazon?

A pochi mesi dall’elaborazione dei resi, solo 4 dei 12 articoli sono stati rivenduti nuovamente. Molti dei prodotti restituiti sono ancora nei magazzini di Amazon, alcuni sono ancora in transito, uno è stato trovato in una discarica (un oggetto in ottime condizioni) e uno è stato trovato in un impianto di riciclaggio di rifiuti elettronici e distruzione di prodotti, una tuta sportiva peraltro.

I pochi articoli che sono stati rivenduti nuovamente a nuovi clienti hanno comunque girato per migliaia di chilometri a vuoto prima di trovare una nuova casa.

Proposte di Amazon

Tra le proposte, Amazon offre al venditore quattro opzioni su cosa fare con i resi: restituzione al venditore, smaltimento, sdoganamento o adempimento da parte di Amazon.

Con l’opzione “restituzione al venditore”, il reso lascia il magazzino di Amazon per altri passaggi su un camion, aereo o nave. Torna al venditore per un’ulteriore elaborazione, poi andrà in un altro magazzino Amazon per lo smistamento e il riconfezionamento, quindi a un nuovo cliente, che può sempre scegliere di restituire l’articolo.

Ma ha anche trovato modi creativi per riciclare i resi.

Amazon ha una serie di programmi progettati proprio per questo. Per alcuni dispositivi elettronici offre ai clienti la possibilità di inviarli a un riciclatore certificato o di riscattarli con buoni regalo Amazon. E dal 2019, il suo programma di donazioni Logistica di Amazon consente ai venditori di offrire automaticamente eccedenze e resi idonei a gruppi di beneficenza. Amazon afferma che finora sono stati donati oltre 67 milioni di articoli.

Leggi anche: Vuoi vendere su Amazon? Punta sulle recensioni

La differenza tra una piccola azienda e Amazon

Sicuramente analizzando questo fenomeno, possiamo renderci conto della differenza tra piccole aziende e colossi come Amazon. È molto meno probabile che uno small business butti via della merce, poiché probabilmente il loro inventario è molto prezioso.

Noi, compratori, dobbiamo anche cercare i fare acquisti più responsabili, e non pensare già nell’ottica di restituire l’articolo indietro.

Ora, il gigante dell’e-commerce afferma che sta lavorando per raggiungere l’obiettivo di zero prodotti da buttare via.

Come finirà?

La lotta contro lo spreco, della sostenibilità, della responsabilità sociale riguarda tutti noi.

Nell’undicesima edizione, cosi come già nelle ultime edizioni, EcommerceDay, il 29 e 30 di settembre 2022, dedicherà un ampio spazio ai temi della logistica, trasporti, sostenibilità, riciclo dei materiali e il consumo responsabile.

CONSULTA IL SITO UFFICIALE DI ECOMMERCE DAY