Home Articoli Instagram vuole sostituirsi alla televisione e a Facebook: nasce IgTV

Instagram vuole sostituirsi alla televisione e a Facebook: nasce IgTV

instagram-vuole-uccidere-la-televisione-e-youtube-ecco-igtv

L’applicazione più famosa nel mondo, almeno tra i giovani e giovanissimi, sdoppia la sua applicazione e punta tutto sui contenuti video, perché “gli adolescenti guardano il 40% di Tv in meno rispetto a 5 anni fa”.

Una grande invenzione: Igtv

Ci sono delle invenzioni che cambiano il mondo, come la Televisione, che è stata da sempre un importantissimo collante nazionale e “maestra” soprattutto per la diffusione lingua italiana. E poi, però, ci sono le evoluzioni. Anche queste cambiano il mondo, modificando per sempre i parametri con i quali fino a poco tempo prima si organizzava la realtà.
“Gli adolescenti guardano il 40% in meno di televisione a differenza di 5 anni fa”. Sono le parole di Kevin Systrom, fondatore e AD di Instagram, durante il lancio della nuova piattaforma video, Igtv, che si è tenuto a San Francisco il 20 giugno.

Instagram: gli utenti guardano sempre più video

Infatti, Instagram è oramai destinato a diventare il social più utilizzato dalle nuove generazioni. Già da adesso si parla di più di un miliardo di utenti. In più, dal punto di vista delle tendenze, è stato rilevato che la crescita della fruizione dei video da parte degli utenti è esponenziale. Il 60% su base annua. E per un Social che è solo immagini questa può rivelarsi un’ottima fetta di mercato in cui infilarsi.
Ecco perché la società ha pensato a una serie di investimenti che porteranno il social network delle foto a cambiare la propria struttura radicalmente. Ma perché?

Anche Amazon, Apple e Facebook puntano sullo streaming video.

Il vento del cambiamento per Instagram è spinto da una serie di considerazioni, come per esempio il fatto che il 2018 sarà l’anno in cui la pubblicità su internet supererà quella televisiva. In più, anche l’utilizzo del mobile cresce sempre di più e arriverà a rappresentare il 60% degli investimenti pubblicitari sul web e il 24% di quelli totali.
L’importanza di questa trasformazione possiamo capirla anche da come si stanno muovendo le società rivali. Apple, per esempio, ha appena siglato un accordo con Oprah Winfrey e ha iniziato a muoversi nel terreno dei contenuti per bambini. Facebook, invece, si è dato ai quiz e hai telegiornali. Amazon ha acquistato i diritti della Premier Legue.

Instagram: nasce Igtv

Viste queste premesse, non stupisce l’idea di Instagram di sdoppiarsi e di puntare tutto sulla partecipazione attiva dei suoi utenti, in particolar modo dei “creator”, ossia gli youtuber. Nasce, così, Igtv (per iOs e Android). Il suo funzionamento è abbastanza strano, perché la apri e partono immediatamente i video, come se stessi guardando una Tv. Puoi scegliere tra la sezione dedicata a me, i filmati degli amici e quelli popolari.
In più, il limite delle Stories aumenta: non sarà più 15 secondi. Come aumenta anche il limite dei video postati che non sarà più massimo di un minuto. Entrambi, infatti, potranno raggiungere i dieci minuti. Per alcuni utenti particolarmente seguiti, addirittura si potrà raggiungere l’ora. E alla fine sicuramente si arriverà a un tempo di trasmissione illimitato. Esattamente come in TV.
Ciò che resta da vedere è se le webstar di Instagram saranno in grado di seguire e far realizzare il progetto dietro Igtv, che in futuro arriverà a contenere produzioni originali.

Articolo precedenteLa guerra degli ecommerce: Google sfida Amazon e Alibaba
Prossimo articoloTelefonia low cost: Vodafone crea Ho
Manager eclettico, dopo 15 anni di consulenza IT in Italia e all’estero per importanti aziende italiane e multinazionali, fonda la web agency Jusan Network. La storia della Jusan Network inizia nel 2005 con un’ampia visione strategica nel campo del IT e della Digital Transformation. Nel corso degli anni si è sempre più focalizzata nello sviluppo di e-commerce e nella comunicazione digitale diventando un punto di riferimento importante per Istituzioni Nazionali e Internazionali, Enti Governativi e multinazionali. Oggi all’avanguardia anche per quanto riguarda discipline come Graphic Design, Branding, Web Marketing, Social Media Marketing, Content Marketing, sviluppo e strategie SEO, formazione e organizzazione d’eventi. Insieme a EcommerceDay e EcommerceGuru, l’innovativo magazine online dedicato al commercio elettronico, punto di riferimento importante per chi vuole dedicarsi alla vendita online, Samuele Camatari crea l’Accademia dell’eCommerce, una scuola che offre numerosi corsi di formazione sul web marketing e sulla vendita online. Samuele Camatari è Presidente Turinin, docente IED, Enaip e formatore del top management di importanti aziende italiane.