Agevolazioni per la registrazione dei Marchi rivolti alle imprese: cosa bisogna sapere.

Agevolazioni per la registrazione dei Marchi rivolti alle imprese: cosa bisogna sapere.

Leggimi

Proteggere il proprio marchio è importantissimo in un mondo globalizzato come il nostro. E proprio per tutelare piccole e medie aziende, il Ministero per lo Sviluppo Economico pubblica per il terzo anno di fila un Bando per la concessione di agevolazioni a fondo perduto alle Imprese. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Marchi 3+: il bando per le imprese che hanno registrato un marchio

Che il conto alla rovescia abbia inizio! Dal 07 Marzo 2018, le aziende potranno sottoscrivere il bando “Marchi 3+”, emanato dal Ministero per lo Sviluppo Economico, e chiedere delle agevolazioni per la registrazione di un marchio.
Il Bando prevede l’erogazione complessiva di 3.825.000 euro, fino a esaurimento fondi.
Dalle ore 9:00, verrà attivato sul sito un form di compilazione, grazie al quale si potrà richiedere il contributo agevolativo.

Qual è il criterio di selezione?

Il criterio di selezione è cronologico. Le aziende che per prime hanno mandato la richiesta avranno più possibilità di riceverlo.

A chi si rivolge il bando?

Tutte le imprese di micro, piccole e medie dimensioni con sede in Italia, regolarmente iscritte nel Registro delle Imprese.

Quali sono le misure di agevolazione previste dalla legge?

MISURA A - Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione Europea presso EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale)
MISURA B - Agevolazioni per favorire la registrazioni di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale)

Qual è l’entità dell’erogazione?

MISURA A

Le agevolazioni per la registrazione del proprio marchio presso gli uffici EUIPO sono pari all’80% delle spese ammissibili. L’importo massimo complessivo dell’agevolazione è pari a 6.000 euro per domanda.

MISURA B

Le agevolazioni per la registrazione del marchio presso gli uffici OMPI sono pari all’80% delle spesse ammissibili. L’importo massimo complessivo è pari a 6.000 euro per le domande che designano un solo Paese e 7.000 euro per le domande che designano due o più Paesi.
In più, nel caso in cui la designazione interessi USA e Cina le spese di agevolazione sono pari al 90% e anche l’importo massimo di agevolazione cambia: 6.000,00 euro se si registra in uno di questi due Paesi, 7.000,00 euro se si registra in Usa e/o Cina e uno o più Paesi.

Quali sono le spese che possono essere rimborsate?

  • Progettazione del marchio
  • Ricerche di anteriorità.
  • Assistenza e tasse per il deposito presso UIBM, EUIPO e OMPI
  • Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in risposta a opposizioni/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione.

L’importo massimo del contributo

Ogni impresa può presentare più richieste di agevolazione, per entrambe le Misure, basta che il valore complessivo delle agevolazioni non superi i 20.000 euro.

Perché dovrei registrare il marchio della mia azienda?

Proteggere il proprio marchio aziendale è diventato fondamentale in un mondo globalizzato come il nostro. Un marchio registrato è un marchio che non può essere riprodotto integralmente o parzialmente e ti protegge in caso di contestazioni o conflitti con altre aziende o privati.
I casi di dispute tra marchi simili ce ne sono a bizzeffe in Italia e nel Mondo. Vediamone qualcuno, per comprendere al meglio la gravità del problema.

“Supreme” contro “Supreme Italia”

Uno dei casi di contenziosi tra aziende per questioni che riguardano la registrazione del marchio è quello avvenuto tra “Supreme Italia” e “Supreme”.
Una piccola azienda di abbigliamento di Barletta ha registrato il proprio marchio come “Supreme Italia” e produce magliette con un logo e un font diversi ma abbastanza simili a quelli della (quasi) omonima multinazionale americana.
La Supreme, quella originale, però, proprio perché non aveva ancora registrato il proprio marchio in Italia, non ha potuto rivalersi contro l’azienda di Barletta, che ancora oggi continua indisturbata a produrre capi d’abbigliamento che somigliano a quelli prodotti da lei. E, probabilmente, a campare sul nome e sulla fama della azienda americana.
Se non volete che capiti la stessa cosa anche alla vostra azienda, allora bisogna che registriate assolutamente il vostro marchio.

Come faccio a gestire al meglio le procedure di deposito e gli iter burocratici?

Se non sei perfettamente informato sulle modalità di deposito e sulle procedure d’inoltro della domanda di agevolazioni, potresti andare incontro a tutta una serie di problemi. E la tua domanda potrebbe essere respinta.
Per questo il consiglio è sempre quello di rivolgersi a professionisti del settore, come lo studio legale Andrea De Pasquale, che da anni fornisce ottimi servizi di assistenza e consulenza legale nel campo della proprietà intellettuale e industriale con grande zelo e professionalità.

 

TagsMarchi