Amazon punta sui videogiochi in streaming

Amazon punta sui videogiochi in streaming

Leggimi

Sappiamo bene come Amazon sia sempre stata all'avanguardia per ciò che concerne innovazione e tecnologia. I suoi prodotti hanno fatto scuola. Dal Kindle, all'assistente vocale Echo, al servizio Amazon Prime, che ha ridotto al minimo i tempi di spedizione, portandola a 24 ore. Non è da meno l'introduzione di Amazon Prime Video, piattaforma di streaming online che fornisce contenuti originali e non. Adesso Amazon ha intenzione di dedicarsi a un settore che altri già hanno inteso sfruttare: i videogiochi.

Attualmente la piattaforma può contare su oltre 500 milioni di utenti provenienti da tutto il mondo. Ed entrare nel settore dei videogiochi non può che portare all'azienda ulteriori vantaggi e opportunità.

Amazon punta sui videogiochi in streaming

Amazon sceglie la rotta dei videogiochi in streaming. A quanto attestano due fonti interpellate dal giornale The Information, il gruppo di Jeff Bezos è all'opera su un servizio che permetterà ai suoi utenti di usufruire di una serie di titoli videoludici sul televisore o dispositivi mobile. Per farlo non si avrà bisogno di acquistare console o pc o altri tipi di macchine preposte per elaborare i videogiochi.

Videogiochi in streaming: che cosa significa questo?

Il colosso dell'e-commerce ha intenzione di espandere il suo business, puntando sulle potenzialità che il mondo dell'intrattenimento ludico ha da offrire. Nel farlo non è certo da solo. Anche Google ha iniziato a lavorare con un team di programmatori per creare una piattaforma detta Project Stream, nata dall'accordo tra Google e Ubisoft e pensata per permettere agli utenti iscritti di provare sui pc il gioco Assassin's Creed Odyssey. Project Stream consentirà di giocare a titoli console direttamente da Google Chrome.

D'altra parte, anche Microsoft non è da meno, il suo Project Xcloud mira a offrire il catalogo Xbox su smartphone e tablet.

 

I grandi player del digitale hanno già da tempo implementato delle soluzioni per fornire agli utenti la possibilità di godere dei videogiochi sui dispositivi più comunemente utilizzati. E in futuro si prevedono sviluppi interessanti dove la concorrenza tra i colossi del Web porterà al trionfo di uno solo tra essi. Chi si aggiudicherà il podio?