Home Articoli Accademia Solidale: una nuova sfida degli Asili Notturni Umberto I

Accademia Solidale: una nuova sfida degli Asili Notturni Umberto I

Accademia Solidale presso Asili Notturni Umberto I

Nell’ambito del Piano di Inclusione Sociale della Città di Torino, nella giornata di ieri è stato inaugurato il nuovo progetto Accademia Solidale. Un progetto degli Asili Notturni Umberto I in collaborazione con Jusan Network.

L’Accademia forma gratuitamente giovani e adulti in difficoltà e senza occupazione affinché possano aumentare le loro opportunità di trovare un lavoro dignitoso.
Il catalogo dei corsi in programma intende riscoprire conoscenze e tecniche degli antichi mestieri della tradizione regionale. Insieme a esplorare le nuove opportunità che la tecnologia e l’universo digital presentano.

In sintesi formare giovani e riqualificare adulti perché possano entrare o ri-entrare nel mondo del lavoro.

Attraverso il Piano di Inclusione Sociale, la Città di Torino a partire dal 2018, opera per realizzare “un sistema integrato di servizi pubblici e del privato sociale per rispondere in modo unitario ai bisogni dei cittadini con difficoltà di tipo economico, occupazionale e abitativo.

Il Piano della Città di Torino è articolato in cinque differenti aree di intervento. “Ciascuna di queste aree contribuisce, con progettualità specifiche e al tempo stesso interconnesse, a promuovere un percorso di sostegno per singoli e famiglie in difficoltà.

Il progetto Asili Notturni

Il progetto degli Asili Notturni, realizzato in collaborazione con Jusan Network e il supporto della Fondazione Azimut Onlus – ente filantropico, attraverso attività di formazione si colloca nell’area di intervento che punta “all’accompagnamento e l’inserimento socio-lavorativo tramite tirocini e attività di formazione che vadano a integrare le misure di contrasto alla povertà nazionali.

Accademia Solidale offre gratuitamente percorsi formativi che prevedono, oltre alla teoria delle lezioni, un tirocinio formativo pratico nelle aziende coinvolte nel progetto. L’opportunità di sperimentare le conoscenze acquisite durante i corsi, permette agli allievi di apprendere un ulteriore bagaglio professionale di competenze specifiche e offre loro un’occasione di possibile sbocco lavorativo immediato.

Accademia Solidale è una risorsa anche per le imprese coinvolte che trovano nell’Accademia il luogo ideale in cui formare nuove risorse e trovare figure professionali utili.
Questo è lo scopo: offrire opportunità, creare nuovi posti di lavoro e diffondere il benessere sociale.

La selezione dei candidati per la partecipazione ai diversi corsi in programma, sarà effettuata in stretta collaborazione con i Servizi Sociali cittadini. Al fine di privilegiare il recupero di persone in gravi difficoltà economico/lavorative in piena sintonia e con l’obiettivo del Piano di Inclusione Sociale della Città.

Asili Notturni Umberto I è un ente morale fondato nel 1886 che, ancora oggi, offre a persone bisognose e in condizione di fragilità un letto, un pasto caldo e visite mediche specialistiche senza distinzione di nazionalità o religione.

Il primo corso partirà il 4 aprile 2022 e sarà dedicato al mondo ecommerce. “Store manager. Gestire e-commerce pianificando strategie di marketing”, approfondisce uno degli aspetti del mondo digital. Seguiranno corsi dedicati agli antichi mestieri della tradizione regionale con percorsi dedicati alla cucina, al pane, alla pasta, al cioccolato e alla birra.

Dichiarazione degli assessori della città di Torino Gianna Pentenero, lavoro e formazione professionale, e Jacopo Rosatelli, Welfare

Accademia Solidale è un progetto importante perché consente nuove opportunità di inserimento lavorativo per chi si affaccia, per la prima volta, al mondo del lavoro e per coloro che ne sono stati esclusi, con un occhio attento anche agli antichi mestieri.

Le nuove tecnologie e l’universo digitale, temi su cui verteranno i primi corsi avviati all’Accademia, permetteranno la creazione di nuove figure professionali. Saranno percorsi fondamentali per non lasciare nessuno indietro e per permettere a tutti di affrontare i continui cambiamenti del mercato del lavoro.

Affiancare nuove professionalità, sempre più richieste dai sistemi produttivi, al recupero di saperi e di competenze legate alla tradizione regionale, in collaborazione con aziende in cui i partecipanti ai corsi svolgeranno tirocini formativi, rappresenta un esperimento virtuoso del nostro territorio.

L’iniziativa, inoltre, nasce nell’ambito del Piano di inclusione sociale della Città di Torino, un sistema integrato di servizi per offrire proposte progettuali di contrasto alla povertà e rispondere così, con azioni di prossimità, ai bisogni dei cittadini sostenendoli in situazione di fragilità sociale, economica e occupazionale sviluppando percorsi di autonomia personalizzati.

asili notturni - accademia solidale

Samuele Camatari e la Jusan Network sono da sempre impeganati della formazione e nella diffusione della conoscenza e della cultura del digitale in Italia. Tra le iniziative che portano avanti da oltre un decennio sono: EcommerceDay, EcommerceTalk, EcommerceWeek, Accademia Ecommerce e la presente piattaforma, EcommerceGuru.

Il 29 e 30 settembre 2022 torna in presenza EcommerceDay. EcommerceDay è l’evento europeo dedicato alla formazione e all’aggiornamento dei manager, CEO, imprenditori di PMI e multinazionali sull’intero ecosistema della vendita online e offline. Durante la due giorni si potranno incontrare i più grandi esperti di marketing digitale, ecommerce, new retail ed omnichannel con i quali si potranno fare le analisi sulla situazione attuale del mercato, sulle risorse del territorio e sulle possibilità di espandere all’estere attività e business.

L’11° edizione di EcommerceDay si terrà a Torino (29 e 30 settembre 2022) presso il Centro Congressi dell’Unione Industriale e una parte dei contenuti verrà trasmessa anche in streaming.

CONSULTA IL SITO UFFICIALE DI ECOMMERCEDAY

Articolo precedenteIl caso McDonald’s: sostenibilità vera o solo marketing?
Prossimo articoloLe migliori piattaforme di e-commerce e come riuscire a sceglierne una