Home Articoli Il potere delle wishlist: e voi le avete implementate?

Il potere delle wishlist: e voi le avete implementate?

wishlist
wishlist

Avete già abilitato le wishlist sulla vostra piattaforma e-commerce? Se la risposta vira verso il no, è venuto il momento di rimediare! Proprio in questo momento state perdendo ottime possibilità di incrementare le vostre conversioni.

Che cos’è una wishlist?

La wishlist non è nient’altro che la lista dei desideri che trovi sulla maggior parte delle piattaforme dedite alla vendita online. Su Amazon lo strumento è visibile sulla destra dello schermo. La sua funzione è di conservare un prodotto potenzialmente interessante ma del cui acquisto ancora non si è convinti del tutto. Così lo si tiene da parte, in vista del momento migliore per acquistarlo.

La lista dei desideri è una funzione riservata ai soli utenti registrati alla piattaforma. Va da sé quindi che per aggiungere i prodotti alla lista è necessario disporre di un account e aver effettuato il login.

In estrema sintesi, la wishlist:

– incoraggia gli utenti a tornare sulla piattaforma
– aiuta a monitorare il loro comportamento d’acquisto, tenendo presente quali sono i prodotti che vengono scelti e messi da parte.

Uno dei lati più pregevoli della lista dei desideri è la sua personalizzazione. Le potete dare un nome, inserire informazioni utili come il vostro indirizzo email o il giorno del vostro compleanno. E possono anche essere condivise sui social media. Facebook e Twitter in primis.

Come si possono sfruttare per aumentare le conversioni?

Un metodo semplice ed essenziale per aumentare le conversioni con una wishlist è il seguente: potreste magari inviare un buono sconto sulla base dei prodotti che l’utente ha inserito all’interno della sua lista dei desideri. Oppure instillare un senso di urgenza al cliente potenziale che sia tale da fargli riconsiderare se valga la pena anticipare l’acquisto. È il cosiddetto fascino dei pochi pezzi rimasti.

Inoltre, ogni volta che un utente acquisterà un oggetto presente nella lista da voi salvata, la piattaforma vi avviserà dell’acquisto compiuto.

Rimanete aggiornati per avere ulteriori news in merito al mondo del commercio elettronico. Vi ricordiamo inoltre che il 19 ottobre si terrà al Centro Congressi dell’Unione Industriale di Torino l’ottava edizione dell’Ecommerce Day. Focus dell’evento sarà un sapiente intreccio di temi di particolare rilevanza quali digital transformation e open innovation.

Articolo precedenteIl Personal Branding di Salvini sui social: come cambia la comunicazione politica in Italia e nel mondo
Prossimo articoloIg Shopping: Instagram punta sull’ecommerce?
Manager eclettico, dopo 15 anni di consulenza IT in Italia e all’estero per importanti aziende italiane e multinazionali, fonda la web agency Jusan Network. La storia della Jusan Network inizia nel 2005 con un’ampia visione strategica nel campo del IT e della Digital Transformation. Nel corso degli anni si è sempre più focalizzata nello sviluppo di e-commerce e nella comunicazione digitale diventando un punto di riferimento importante per Istituzioni Nazionali e Internazionali, Enti Governativi e multinazionali. Oggi all’avanguardia anche per quanto riguarda discipline come Graphic Design, Branding, Web Marketing, Social Media Marketing, Content Marketing, sviluppo e strategie SEO, formazione e organizzazione d’eventi. Insieme a EcommerceDay e EcommerceGuru, l’innovativo magazine online dedicato al commercio elettronico, punto di riferimento importante per chi vuole dedicarsi alla vendita online, Samuele Camatari crea l’Accademia dell’eCommerce, una scuola che offre numerosi corsi di formazione sul web marketing e sulla vendita online. Samuele Camatari è Presidente Turinin, docente IED, Enaip e formatore del top management di importanti aziende italiane.