Home Formazione Riposizionamento del brand: che cos’è e quando farlo

Riposizionamento del brand: che cos’è e quando farlo

All’interno delle strategie aziendali, il posizionamento di mercato si riferisce alle percezioni che i consumatori hanno su uno specifico marchio o prodotto relativo ai marchi e ai prodotti concorrenti, mentre il posizionamento sul mercato è correlato al processo per posizionare in modo unico e distintivo il marchio nella mente dei consumatori.

Dopo anni di attività, può capitare che un’azienda abbia la necessità di fare un riposizionamento del proprio marchio per far fronte alla concorrenza, come evoluzione dell’ambiente socioeconomico o come volontà di aprire il proprio target.

Riposizionamento del brand

Il riposizionamento del brand è il processo che un marchio attraversa per adattare o rivedere la sua percezione nel mercato per attirare meglio il suo pubblico di destinazione.

Lo scopo del riposizionamento del marchio è, molto semplicemente, riposizionare il marchio nella mente del pubblico in modo che lo vedano con la sua offerta come un’opzione più praticabile.

Significherà aggiornamenti del tuo messaggio, della tua proposta di valore e della tua strategia di marketing per stare al passo con i dati demografici in evoluzione.

Riposizionamento del brand o rebranding?

Una strategia di riposizionamento del marchio non è un completo remake dell’identità della tua azienda, è un aggiustamento calcolato. Può offrire un nuovo percorso in avanti quando la crescita si è bloccata, i concorrenti stanno prendendo il comando o i clienti non si connettono con la tua azienda come una volta. In altre parole, le aziende si riposizionano per stare al passo con l’evoluzione delle esigenze dei clienti.

Il rebranding, al contrario, è uno sforzo più all’ingrosso. Un rebranding potrebbe comportare modifiche al nome del marchio, al logo, al prodotto principale, al modello di business e altro ancora. Tutto ciò che riguarda la tua identità di marca è sul tavolo. Il rebranding tende ad essere riservato ai momenti in cui le aziende falliscono e hanno bisogno di riscoprire la propria identità. Un’azienda si rinnova per ricominciare da capo.

Quando riposizionare il tuo brand

Un motivo per cui si potrebbe riposizionare il proprio brand può essere per rivolgersi ad un pubblico diverso. Il pubblico a cui ci si stava rivolgendo potrebbe non essere più valido. Per esempio, si potrebbe aver preso di mira una fascia d’età che ormai è cresciuta e non utilizza più il tuo prodotto o servizio.

Un altro motivo potrebbe essere che i tuoi prodotti o servizi si sono evoluti. Nel corso degli anni, potresti aver iniziato ad aggiungere nuovi prodotti e servizi o potresti aver modificato i prodotti e i servizi che hai offerto. La promessa del tuo marchio deve riflettere questo.

Ancora, i tuoi concorrenti offrono un valore migliore. Nuovi concorrenti spuntano ogni anno. Ad un certo punto, si potrebbe notare che offrono proposte di valore migliori di te. Potrebbe essere necessario modificare la proposta di valore per evitare di perdere clienti e tenere il passo.

Ed infine, ma non per importanza, le tue vendite sono in calo. Uno dei motivi più ovvi per considerare di riposizionare il tuo marchio è se le tue vendite sono in calo. A questo punto è necessario apportare una modifica per evitare che la tendenza prosegua al ribasso.

Esempio di riposizionamento del brand

Anche la pandemia ha rimodellato e rimodella i modelli di business e le esigenze dei consumatori su tutto lo spettro, quasi da un giorno all’altro. Un modo per rispondere a una crisi è riposizionare il tuo marchio per servire meglio la “nuova normalità”.

Spotify, per esempio, prima del COVID-19 faceva molto affidamento sulle entrate degli annunci pubblicitari serviti ai suoi numerosi ascoltatori gratuiti, ma appunto, a causa dell’emergenza sanitaria molti inserzionisti hanno tagliato il budget e Spotify ne ha risentito.

Spotify si è riposizionato in due modi essenziali: hanno aumentato la loro attenzione sui contenuti originali come podcast e Spotify® Originals, e hanno fatto uno sforzo enorme per creare playlist curate (da esperti interni, esperti esterni, intelligenza artificiale e celebrità).

Non perderti l’undicesima edizione di EcommerceDay. Il 29 e 30 Settembre 2022 i più grandi esperti del settore dell’omnichannel, new retail, digital marketing e social media si incontreranno per discutere delle ultime tendenze nel settore dell’e-commerce.

CONSULTA IL SITO UFFICIALE DI ECOMMERCE DAY