Vacanze e vendita online? Ecco tre consigli

Leggimi

I rivenditori online devono pianificare molto attentamente le proprie attività, se aspirano a ottenere risultati ottimali e di successo durante le festività, siano esse invernali o primaverili o estive. Con l'approssimarsi dell'estate, va da sé che le esigenze degli utenti torneranno a farsi sentire con la solita ricorrenza che ne compete, ragione per cui molti brand e operatori e-commerce sono già impegnati a organizzare strategie di vendita adeguate e su misura per i periodi d'oro del commercio elettronico summer-oriented. Non è un mistero che, appena terminata la scuola, vi sia già chi sia interessato ad acquistare materiale per l'anno a venire, ben sapendo di poter usufruire di sconti e offerte particolarmente vantaggiosi. E infatti, oltre il 55% delle vendite online del 2015 è avvenuto durante la seconda metà dell'anno, secondo un sondaggio elaborato da US Census Bureau.

Vacanze e vendita online? Ecco tre consigli

Abbiamo stilato pertanto una lista di tre consigli adatti a tutti gli operatori e-commerce che sono già intenti a pianificare attività di vendita volte a catalizzare l'interesse degli utenti in concomitanza con il periodo estivo.

1) Siate perfetti e impeccabili in tutto:

Non importa che voi abbiate in magazzino mille prodotti o dieci o diecimila. L'importante è che riusciate a capire quali sono le parti più appetibili e competitive del vostro armamentario, così da poter intervenire sulle dinamiche di mercato con un netto vantaggio organizzativo, colpire esattamente gli interessi degli utenti che si rivolgono a voi e soddisfarli in toto.

2) Tenete d'occhio i competitors:

Molti rivenditori devono gestire ambienti di competizione composti da migliaia di prodotti appartenenti a non meno di centinaia di categorie. Data l'enorme mole di dati e informazioni da reperire, è molto comune che ci si senta in dovere di investigare e monitorare esclusivamente l'attività dei competitor più in voga (magari due o tre) la cui fama e popolarità è tale da oscurare il resto dei concorrenti, i quali, però, continuano a erogare i propri servizi facendo leva esattamente su questo genere di mancanza. Limitarsi a bersagliare i primi tre della classe non è una strategia tanto vincente per un'impresa e-commerce, specialmente se tutti gli altri, cui non è dato credito alcuno, ne approfittano per adeguare i propri prezzi al volere del mercato incentivando così i consumatori a rivolgersi a loro. Siate pronti allora a tenere d'occhio quanti più competitors possibili!

3) Abbiate una visione globale dell'intero scenario:

Non cercate di gestire il vostro canale e-commerce facendo uso di un unico punto di vista. Durante i periodi di forte propensione all'acquisto quali quello estivo e pre-scolastico, dovrete assicurarvi di fornire agli utenti le offerte e promozioni più vantaggiose tra le tante immesse sul mercato. Potete monitorare i vostri prezzi di vendita tramite strategie di advertising, e captare i comportamenti della concorrenza. Un sondaggio del 2016 a opera di Market Track ha scoperto che i consumatori, per cercare sconti e offerte durante le loro esperienze d'acquisto, si avvalgono dell'ausilio di un minimo di due strumenti fondamentali, tra cui i dispositivi mobile e le email. Agite di conseguenza, sfruttando esattamente gli stessi canali che gli utenti sono soliti utilizzare per le loro ricerche.