Bit Torrent pronto a distribuire online contenuti a pagamento

Leggimi

Dal peer to peer all’ecommerce, La società produttrice del programma di file sharing Bit Torrent vuole fare la pace con l’industria discografica e dell’intrattenimento offrendo la possibilità di vendere contenuti extra a chi scarica contenuti da Internet attraverso un’applicazione che si chiama Bundle.

La disputa tra queste due realtà è annosa. Dalla parte del file sharing, sostengono che questo canale offre agli utenti la possibilità di condividere i file e che poi è a loro discrezione scegliere quali file rendere pubblici o scaricare. Dalla parte dell’industria dell’intrattenimento, l’accusa è quella di danneggiare economicamente il settore con la diffusione di materiale coperto da copyright.

È la disputa che ha portato alla chiusura di Napster. Ma Bit Torrent cerca adesso di placare le critiche offrendo ai produttori nuove opportunità di business che possono portare profitti aggiuntivi. E così arriva la proposta: offrire agli utenti la possibilità di scaricare contenuti extra inserendo una password. In questo modio gli appassionati potranno avere interviste, backstage, approfondimenti, tracce extra e altro materiale esclusivo solo dopo aver versato un pagamento ai produttori.

Si tratta di una novità assoluta per il mondo del peer to peer. “Quando Edison ha inventato il giradischi, l’idea è stata di vendere la registrazione all’interno di un negozio – ha commentato Matt Mason, vicepresidente di Bit Torrent – La differenza è che la registrazione è anche il negozio e il film stesso è il botteghino”.

La proposta offre un modello di business che si avvicina a quello che avviene offline con i ricavi extra del merchandising che ormai stanno superando gli incassi effettivi del botteghino del cinema. In questo modo potrebbe diventare ancora più importante l’engagement con gli appassionati da parte dell’industria dell’intrattenimento attraverso ogni tipo di canale, così potranno crescere i volumi di affari e, con la soddisfazione di tutti, potrebbe essere sancita la pace con Bit Torrent e con il peer to peer.