Cina: taglio ai dazi sul lusso | Ecommerce Guru

La Cina abbatte i dazi doganali sul lusso

Leggimi

La Cina rappresenta uno dei maggiori mercati per l’export italiano soprattutto per quanto riguarda i beni di lusso Made in Italy e quelli di consumo di alta qualità come il vino, ma anche per altri generi alimentari come ad esempio il latte, per il quale c’è stato un vero e proprio boom passando nel periodo 2011 - 2014 da 33 a 4.307  tonnellate di latte italiano importato in Cina, con un aumento del 435% solo nell’ultimo anno.

Ora, però, il volume dell’export dei prodotti nostrani di alta qualità è destinato a salire, soprattutto considerando la notizia da poco diffusa sul taglio delle tariffe all’import varate dallo State Council cinese. Verso la fine del mese di luglio sarà ufficializzato l’abbattimento dei dazi imposti sulla merce importata, il che farà aumentare i consumi interni, ma allo stesso tempo rallentare il flusso di spesa in uscita dei turisti cinesi.

A causa dei forti dazi sulle importazioni si era diffuso, infatti, il fenomeno frequente del turismo all’estero finalizzato esclusivamente allo shopping di beni scontati fino al 30-40% rispetto ai prezzi del mercato interno. Il sovrapprezzo era dovuto in gran parte alle tariffe doganali particolarmente alte per determinate tipologie di beni. Per questo motivo era sorta una figura specifica per tutti coloro che non potevano recarsi in altri paesi: si trattava di una persona di fiducia in grado di acquistare online prodotti scontati, oppure si faceva riferimento ai connazionali all’estero per effettuare invii di merce.

Contrariamente a quanto si pensava e cioè che lo State Council avrebbe inasprito le tariffe, penalizzando ulteriormente alcuni settori già in perdita rispetto ad anni di fatturato crescente, si prospetta, invece, uno scenario molto positivo per molti imprenditori del Made in Italy, nonostante ancora la presenza di alcune difficoltà burocratiche e legislative legate alla commercializzazione di determinati prodotti in Cina.

Si tratta di un vero punto di svolta per chi gestisce un’attività di vendita online di prodotti di lusso nel nostro Paese, ma come abbiamo visto nell’ambito del workshop Ecommerce360° organizzato dalla nostra Accademia dell’Ecommerce, il processo di internazionalizzazione del proprio Business non è un fatto scontato ed occorre prepararsi al meglio per non incorrere in spiacevoli situazioni.

Prima di aprirsi ad un nuovo mercato, è necessario conoscere ed analizzare le esigenze di quelli che potranno essere i nostri nuovi potenziali clienti e come verrà percepito il nostro Brand. Relativamente a quest’ultimo punto,  occorre garantire identità e tutela al proprio marchio per proteggersi in modo adeguato da contraffazioni ed eventuali operazioni di concorrenza sleale.

Hai un'attività di vendita online e vuoi iniziare a vendere i tuoi prodotti online su mercati esteri come la Cina?

Porta il workshop Ecommerce360°nella tua azienda e scopri come allargare i confini del tuo business.