Google lancia il pulsante “altri risultati” con lo scroll infinito

Leggimi

Google lancia il nuovo pulsante "altri risultati" con scroll infinito per tutte le ricerche effettuate da mobile. Di conseguenza, salgono le preoccupazione per gli addetti al settore, preoccupati da cosa cambierà a livello di ottimizzazione dei contenuti...

Gli “altri risultati” di Google

In questi giorni, Google sta testando un pulsante che si chiamerà “altri risultati” per tutte le ricerche effettuate da smartphone.
L’home page del motore di ricerca più famoso del web cambia volto, e lo fa per garantire ai propri utenti mobile una User Experience migliore, in grado di soddisfare tutte le loro esigenze.
Infatti, quanti di voi trovavano insopportabile dover scorrere tutta la pagina di ricerche e poi cliccare il pulsante per andare alla pagina successiva a cercare le informazioni di cui si ha bisogno?
Ecco, probabilmente, non dovremo preoccuparcene più, perché Google sta testando, appunto, uno scroll infinito.

Uno scroll infinito per la pagina “altri risultati” di Google

Dai test eseguiti, si capisce che il meccanismo dello scroll infinito è molto semplice. Basta cliccare su “altri risultati” e la pagina si allungherà a dismisura, facendo visualizzare tutti gli altri risultati collegati alle parole chiave utilizzate per la ricerca. Quindi tutti i contenuti che prima venivano pubblicati in una nuova pagina, adesso invece si troveranno sotto i primi risultati. Questo permette di offrire agli utenti un servizio sempre più accessibile e fruibile.
Lo scroll infinito, infatti, favorisce di gran lunga l’utente, perché gli evita di cliccare sulla pagina successiva e avere ritardi eccessivi nel caricamento. In più, gli permette anche di sbirciare molti più contenuti di quanto non facesse prima.

Lo scroll infinito di Google preoccupa gli addetti al settore

In trepidante attesa sono gli addetti ai lavori. Copywriter, Content Editor e SEO Specialist in questi giorni si stanno chiedendo cosa cambierà a livello di ottimizzazione dei contenuti.
Tuttavia, Google non ha ancora dato risposte concrete e dai test effettuali non si capisce bene quale sia la strada che il colosso dell’informatica di Larry Page e Sergey Brin vuole percorrere..
Voci di corridoio parlano di una prossima espansione del servizio anche su desktop… e questo come dicevo preoccupa molto perché potrebbe portare anche a diversi stravolgimenti per gli addetti al settore.
Pare che il nuovo tasto compaia già nelle ricerche di molti utenti che utilizzano Google da smartphone, anche se ancora non tutti. Tuttavia, il fatto che, test dopo test, il pulsante stia diventando sempre più visibile, fa pensare che ben presto potrebbe diventare uno strumento definitivo.

Lo scroll di Google cambierà la modalità di ottimizzazione dei contenuti?

Ad approfittare di questa nuova funzionalità potrebbero essere i siti che non sono ottimizzati sui motori di ricerca. Lo scroll infinito, infatti, porterà gli utenti a navigare anche tra quei risultati a cui, invece, un tempo – un po’ per pigrizia un po’ per difficoltà di navigazione - difficilmente si arrivava. E di conseguenza porterà anche un po’ di visibilità a siti che non si trovano ai primi posti della SERP per una specifica chiave di ricerca. Questo accade perché l’utente, non avendo più barriere, potrebbe scrollare all’infinito e controllare tutti, ma davvero tutti, i risultati ottenuti.
Questo significa che il nuovo pulsante potrebbe, dunque, cambiare le modalità attraverso le quali gli utenti navigano su Google. E, di conseguenza, anche le modalità di ottimizzazione dei contenuti.
In questo clima di tensioni, Google non dà ulteriori informazioni… quindi a noi non resta che aspettare e vedere cosa succede.

TagsGoogle