Meno lettere e più pacchi: Poste Italiane punta tutto sull'ecommerce

Meno lettere e più pacchi per Poste Italiane. A guadagnarne saranno soprattutto gli e-commerce

Leggimi

Il colosso delle Poste Italiane punta sull’e-commerce. Vuole avere il primato sulla consegna dei pacchi. Una gioia assoluta per i gestori di e-commerce che potranno abbattere le spese della spedizione, diventando molto più competitivi.

Poste italiane punta sull’e-commerce

Più pacchi per tutti con Poste Italiane. Il colosso delle consegne fa un passo verso il futuro e punta sull’e-commerce. Il nuovo piano industriale sarà attivo per il 2022 e prevede 2,8 miliardi di euro di investimenti per assicurarsi delle quote di rilievo nel mondo della distribuzione del commercio online.
Il mondo delle lettere è oramai in declino: ecco perché le Poste hanno deciso di rinnovare il proprio business e lanciarsi nella distribuzione di pacchi.

Meno lettere e più pacchi: come cambia il mondo delle spedizioni

Dal 2005 le spedizioni di lettere sono scene del 57%. Un vero e proprio tracollo destinano drasticamente a calare del 4% ogni anno. Al contrario, però, della distribuzione dei pacchi che invece è in netta crescita.
Ecco perché il CEO di Poste Italiane, Matteo del Fante, vuole trasformare i postini in fattori dell’e-commerce, con un’azione di marketing che farà triplicare gli incassi di Poste Italiane, con notevoli vantaggi anche per i gestori di e-commerce, perché saranno capaci di garantire spedizioni a prezzi più che competitivi.

La rivoluzione della distribuzione postale: consegne giornaliere, anche nel fine settimana

Milano, Roma e Torino riceveranno consegne giornaliere, anche nel fine settimana: la mattina la posta, il pomeriggio i pacchi. Nelle zone rurali la distribuzione avverrà comunque nel giro di due giorni e sarà limitata solo alla posta.
Per gestire queste spedizioni, il gruppo apre 3 magazzini per i pacchi e la logistica. Si prevede che nelle giornate di picco, come per esempio durante il Black Friday, si arrivare a consegnarne fino a 900mila al giorno.
Questa è una bella notizia anche per i gestori di e-commerce che potranno rendere le loro vendite più appetibili, bypassando il problema dei pagamenti a volte troppo alti per la consegna dei loro prodotti.