Home Filiera Ecommerce Up-selling e cross-selling, esperienze d’acquisto ecommerce

Up-selling e cross-selling, esperienze d’acquisto ecommerce

Up-selling e cross-selling, esperienze d'acquisto ecommerce

Tra le tante strategie di marketing efficaci negli ecommerce cross-selling e up-selling devono essere implementate obbligatoriamente. Riflettendo su un articolo da acquistare la mente cade inevitabilmente su tutti i dettagli caratteristici di tale prodotto, ed è proprio qui che entrano in gioco questi due strumenti.

Utilizzati spesso in combinazione con altre strategie di vendita, cross-selling e up-selling hanno diversi vantaggi e svantaggi. 

Up-selling, come funziona

Attraverso le tecniche di upselling è possibile configurare sulla propria piattaforma ecommerce una serie di possibilità di acquisto per il cliente che portano a diversi vantaggi. 

L’upselling consiste nel creare nell’utente la consapevolezza che può effettuare un upgrade del proprio prodotto o servizio e accedere a tutti i benefit che ne conseguono. Cosa comporta?

Le tecniche di upselling possono generare un aumento del guadagno medio per ordine. Inoltre, crea indirettamente un aumento del tasso di conversione, in quanto l’obiettivo è spronare il cliente a comprare e a spendere il più possibile. In questo passaggio di convincimento rientra l’aumento del tasso.

Se i risultati prefissati sono stati raggiunti, ecco la prima conseguenza positiva: la soddisfazione del cliente. L’upselling crea alla fine anche una customer experience gratificante per chi acquista, rendendo questa tecnica necessaria al miglioramento del proprio ecommerce.

Diventa partner EcommerceDay 2024

Cos’è il cross-selling

Complementario all’up-selling, il cross-selling è ormai da anni sotto gli occhi di tutti gli acquirenti online. Durante la ricerca di un prodotto è indispensabile che vengano forniti dettagli su tutta un’altra serie di soluzioni connesse alla ricerca effettuata, stimolando la voglia di espandere l’esperienza del prodotto o del servizio cercati originariamente per migliorarlo.

Leggi anche: Ecommerce B2C: i fattori di successo per la vendita online

Ecommerce ed esperienza pre e post acquisto

Up-selling e cross-selling possono essere integrate sia prima della vendita che dopo. Prima della vendita possono essere avanzate proposte al potenziale acquirente dove lo si induce a optare per una delle due (o meglio entrambe) soluzioni proposte.

Post vendita la situazione cambia molto. Le alternative o le varianti avanzate dal venditore devono essere ottimizzate al meglio in modo da non intralciare l’esperienza dell’utente.

Fatta questa premessa, è importante saper abbinare caso per caso la propria alternativa in modo da creare una esperienza sempre positiva all’interno del processo di acquisto.

Diventa Speaker EcommerceDay 2024

Come integrare cross e up-selling nel tuo ecommerce

Ci sono diversi modi per integrare le tecniche di cross-selling e up-selling nel vostro ecommerce. Nelle esperienze pre vendita il compito spetterà principalmente all’organizzare una UI efficace per permettere in maniera sottile di instaurare l’ipotesi di acquisto in cross e in up-selling al vostro cliente.

Con le esperienze post acquisto, si possono ottimizzare il carrello e la pagina di check-out in modo da poter consigliare ciò che preferite; in alternativa si possono usare strumenti al di fuori della piattaforma stessa per contattare il cliente e permettergli consultare tutte le alternative a sua disposizione. 

Leggi anche: L’ascesa della platform economy

Iscriviti gratuitamente a Ecommerce Community

CONSULTA IL SITO UFFICIALE DI ECOMMERCE DAY

Articolo precedenteLavazza, il leader mondiale del caffè
Prossimo articoloStrategie di export per i mercati dell’Asia
EcommerceGuru.it è il portale italiano dedicato all’e-commerce. Informazioni, approfondimenti, novità, guide e consigli utili per realizzare e gestire il vostro canale di ecommerce.Il Guru ti spiega tutto questo e risponde alle tue domande dal 2010.