social marketing-620x378 3

Social Media: alcuni consigli pratici

Leggimi

La maggior parte dei brand si limita, per le proprie attività di social media marketing, a servirsi delle solite due piattaforme più conosciute, nonché a tutta una serie di attività che, lungi dal garantire prospettive durature di successo, non possono che portare a un inevitabile declino. La mancanza di consapevolezza nei confronti del mercato e delle sue tendenze più rilevanti e in voga può rivelarsi fatale per il business di un'impresa.

Social Media: alcuni consigli pratici:

Proponiamo alla vostra lettura tre consigli che sono stati elaborati per permettere alle aziende di concentrarsi sulle proprie attività di Social Media marketing in maniera innovativa e in linea con le odierne dinamiche di mercato.

1) Sfruttare il potere dei video:

Oramai dovrebbe essere chiaro il fatto che i video siano una delle tendenze più importanti ed efficaci per incrementare il proprio business e far nascere un'interazione con gli utenti fuori dall'ordinario. Su Facebook, i video ottengono un engagement tre volte superiore a qualunque altro genere di contenuto.
Nonostante questo riconoscimento, la maggior parte dei brand stenta ancora a utilizzarli all'interno delle proprie strategie marketing. Meno dell'1% dei contenuti pubblicati su Facebook da parte di aziende e imprenditori sono video, mentre link e fotografie raggiungono l'80% di ciò che viene postato durante la settimana.

2) Non limitarsi a una piattaforma Social e basta: 

Un recente studio ha messo in lucida evidenza come il 59% di coloro che utilizzano LinkedIn non sia solito consultare Twitter. L'83% degli stessi non utilizza Pinterest, e il 13% si tiene alla larga da Facebook. Questa serie di dati esposti rivela chiaramente come l'unico modo possibile per entrare in contatto con gli utenti di LinkedIn sia attraverso la piattaforma stessa, o al massimo su Facebook. Gli altri canali sono inutili per avvicinarsi a loro.

Secondo una ricerca elaborata da Bufferapp, i brand sono soliti postare su LinkedIn solo tre volte alla settimana, pur rimanendo fermi all'idea che postare 5 volte a settimana sia l'ideale maniera per raggiungere il 60% della propria audience.

Anche per la piattaforma Pinterest, i brand non sono molto inclini a postare le proprie attività. Infatti, si limitano a pubblicare solamente dalle quattro alle cinque volte a settimana, quando in realtà dovrebbero, per poter sfruttare davvero il potenziale della piattaforma, postare ogni giorno almeno due o tre volte. Anche per questioni pratiche, inscindibili dal fatto che l'87% degli utenti su Pinterest affermi di aver acquistato qualcosa sulla base di tutti i pin che hanno salvato. Oltre due milioni di persone salvano pin dei prodotti ogni giorno, confermandosi così di fatto come una delle forze sulle quali occorre concentrarsi.

3) Non esagerare con la condivisione dei link:

La maggior parte dei contenuti postati sui Social Network sono link. Questo vale per tutte le piattaforme più usate e conosciute, da Facebook a Twitter a LinkedIn. Essendo di facile condivisione, i link sono tra i contenuti con la percentuale di diffusione più alta. Naturalmente, evitare di esagerare con la pubblicazione di tali tipi di contenuti, mescolandoli piuttosto a immagini, post o altro, potrebbe aumentare significativamente l'engagement instaurato con gli utenti e i contatti sul web.