Home Filiera Ecommerce I valori del Brand e le abitudini di acquisto in tempi di...

I valori del Brand e le abitudini di acquisto in tempi di crisi

I valori del brand e le abitudini di acquisto in tempi di crisi
Eliza Frascaro_Head of Research Southern Europe & MEA di Toluna

I valori del Brand non perdono rilevanza neanche in tempi di crisi.

Come cambiano le abitudini di acquisto e il rapporto con i brand

Di recente Toluna, digital market research agency che, attraverso la sua piattaforma di consumer insight, ha indagato le reazioni dei consumatori italiani e mondiali all’aumento del costo della vita e le ripercussioni che questo provoca sulle abitudini di acquisto e il rapporto con i brand.

Diventa Partner EcommerceDay 2023

Ecco le principali evidenze emerse dalla ricerca, condotta a gennaio 2023 con la partecipazione di oltre 15mila rispondenti (di cui più di 1000 italiani) in 18 mercati:

  • 6 intervistati su 10 rimandano le grandi spese, mentre si tagliano attività ricreative e acquisti superflui
  • Restano rilevanti i valori dei brand: il 75% nei nostri connazionali sceglierebbe un brand per le sue attività ambientali e sociali positive
  • Cosa chiedono gli italiani ai brand? Sincerità e autenticità sui valori dell’azienda (62%), riduzione dell’uso di imballaggi (60%) e politiche a beneficio di ambiente e società (52%)
  • Cresce la soddisfazione per la vita, ma in Italia il dato resta tra i più bassi al mondo (36%)

Leggi anche: Personal branding: l’atto di costruire il tuo marchio personale

Le abitudini di acquisto: migliora la life satisfaction, ma non la fiducia

Quasi la metà (47%) dei partecipanti globali si dichiara “molto soddisfatta” per l’andamento della vita nelle due settimane precedenti all’indagine. Un dato di sei punti percentuali più alto rispetto a gennaio 2022, ma che in Italia si ferma al 36%, tra i più bassi al mondo.

Nonostante il generale incremento della life satisfaction, solo il 27% dei panelisti totali si definisce “molto fiducioso” sulla possibilità di poter spendere nei prossimi mesi, percentuale che cala ulteriormente nel Belpaese (11%). In tutto il mondo, 4 rispondenti su 10 si definiscono molto preoccupati per la propria sicurezza finanziaria, così come il 35% degli italiani.

Questi ultimi si dimostrano particolarmente pessimisti: solo il 17% crede che assisterà a un miglioramento della situazione economica personale nei prossimi tre mesi, mentre il 23% lo posticipa entro la fine dell’anno.

Preoccupa la situazione occupazionale: il 40% dei nostri connazionali teme per il proprio impiego, ha un’occupazione ridotta o è rimasto disoccupato durante la pandemia (+5% rispetto al dato globale).

Diventa Speaker EcommerceDay 2023

Acquisti in tempi di crisi: acquisti oculati e tagli al tempo libero

Prevedibilmente, l’aumento del costo della vita e dell’energia condizionano le spese, come confermano 7 panelisti su 10 sia a livello globale che nazionale. Allo stesso modo, 6 su 10 dichiarano di voler rimandare i grandi acquisti fino ad una nuova stabilizzazione finanziaria.

Quali saranno, dunque, le spese maggiormente impattate nel prossimo futuro? Nei tre mesi successivi al sondaggio, i rispondenti italiani sono intenzionati a tagliare sulle attività ricreative come mangiare fuori casa (33%), acquistare prodotti di marca (25%), frequentare bar e pub (21%) e scommettere (19%).

Gli intervistati mostrano una diffusa propensione a un approccio più accorto e orientato al valore, che si traduce nell’intenzione di ridurre gli acquisti superflui (come sostenuto dal 55% degli italiani), confrontare i prezzi (41%) e visitare più negozi alla ricerca di occasioni (46%). Dati che confermano ancora una volta l’importanza per i brand di comunicare in modo efficace se stessi, al di là del mero prodotto o servizio, per conquistare i consumatori.

Leggi anche: Rebranding: diffusione di nuovi valori

I valori del brand in tempi di crisi non perdono rilevanza

Oltre al rapporto qualità-prezzo – divenuto oggettivamente una priorità – rimangono centrali nel costumer journey i valori del brand.

La ricerca di Toluna rivela, infatti, che i consumatori vogliono relazionarsi con aziende che dimostrino un impatto positivo, sia sull’ambiente che nel mondo nel suo complesso.

Il 75% degli intervistati italiani inizierebbe a usare (o utilizzerebbe più frequentemente) un brand per via delle sue attività ambientali e sociali positive mentre, al contrario, una percentuale simile si allontanerebbe da organizzazioni dall’influenza negativa.

Qualcosa, però, li ostacola: 2 panelisti su 3 asseriscono di non potersi permettere di prendere più decisioni basate sui valori dei brand mentre altrettanti, seppur intenzionati, ritengono di non avere a disposizione informazioni sufficienti. A tal proposito il 71% dei rispondenti italiani dichiara che vorrebbe essere messo al corrente sugli ideali e l’etica dei brand.

Interpellati, infine, relativamente alle azioni che i brand dovrebbero intraprendere, il 62% degli intervistati del nostro Paese hanno espresso come desiderio principale una maggiore sincerità e autenticità riguardo ai valori dell’azienda.

I valori del Brand amati dagli italiani

Altre priorità emerse sono la riduzione dell’uso di imballaggi (60%) e l’adozione di politiche a beneficio dell’ambiente e della società (52%)

“Sebbene ci sia un aumento della soddisfazione per la vita, il livello in Italia rimane tra i più bassi al mondo, con solo il 36% dei nostri connazionali che si dichiara soddisfatto. Inoltre, la maggioranza degli intervistati sta rinviando grandi spese e tagliando attività ricreative e acquisti superflui, il che indica una maggiore prudenza nell’uso dei soldi. – dichiara Eliza Frascaro, Head of Research Southern Europe & MEA di Toluna Tuttavia, rimangono importanti i valori per gli italiani, con il 75% dei nostri connazionali che afferma di scegliere un marchio sulla base delle sue attività ambientali e sociali positive. Infatti, la sincerità e l’autenticità sui valori dell’azienda (62%), la riduzione dell’uso di imballaggi (60%) e le politiche a beneficio dell’ambiente e della società (52%) sono le richieste prioritarie degli italiani ai brand. Siamo fiduciosi che queste informazioni siano di grande aiuto per le aziende che cercano di soddisfare le esigenze dei consumatori italiani e migliorare le loro prestazioni sul mercato”.

Leggi anche: Riposizionamento del brand: che cos’è e quando farlo

Chi è Toluna

Toluna è leader nel digital market research e nel fornire insights agili sui consumatori. Permette alle aziende di realizzare progetti di ricerca on-demand per conoscere i mercati in cui operano, innovare i propri prodotti e rispondere a specifiche domande di business.

Toluna sta trasformando il modo in cui vengono prese le decisioni di marketing, riunendo persone e brand nella social voting community più grande del mondo con oltre 40 milioni di membri distribuiti in 70 Paesi. In Italia gli iscritti sono 652.000 rendendo il panel di Toluna il più numeroso e profilato a livello nazionale.

L’accesso in tempo reale ai consumatori è abbinato alla prima piattaforma end-to-end di ricerca. Toluna è presente in 24 uffici in Europa, Nord e Sud America, MENA e Asia Pacifico.

Call for Speaker EcommerceDay 2023 Call for Partner EcommerceDay 2023

CONSULTA IL SITO UFFICIALE DI ECOMMERCE DAY

Ti consiglio di seguire: I valori del Brand JEEP e il suo successo a livello globale

Alessandro Grosso – County Manager – Jeep – STELLANTIS & Membro Comitato Scientifico EcommerceDay 2022
Intervista: Angelica Maftei – Director – EcommerceDay
Articolo precedenteWorldline: servizi di pagamento nel Metaverso
Prossimo articoloSostenibilità è la parola d’ordine per il futuro degli acquisti
EcommerceGuru.it è il portale italiano dedicato all’e-commerce. Informazioni, approfondimenti, novità, guide e consigli utili per realizzare e gestire il vostro canale di ecommerce.Il Guru ti spiega tutto questo e risponde alle tue domande dal 2010.