Home Articoli E-commerce e retail in Russia

E-commerce e retail in Russia

Al crollo del comunismo in Unione Sovietica, si era assistito ad uno sforzo da parte di aziende occidentali per intensificare la loro presenza in Russia.

L’arrivo delle grandi aziende occidentali ha simboleggiato l’inizio di una nuova era. I russi sono diventati consumatori desiderosi di marchi che vanno dalla catena di fast food McDonalds, ai jeans Levi’s e ai beni di lusso.

Oggi, al ventitreesimo giorno di guerra con l’Ucraina, un numero crescente di aziende ha sospeso le attività in Russia.

Chi ha sospeso le attività in Russia?

Fast-food e soft drinks

McDonald’s, Coca-Cola, Starbucks e Heineken sono le ultime società ad annunciare che stanno interrompendo gli affari in Russia dopo le crescenti pressioni per agire.

Le società inizialmente sono rimaste a bocca aperta sul conflitto, ma hanno agito perché gli azionisti “non avrebbero sopportato” la continua generazione di profitti dalla Russia.

Mentre le aziende alimentari Nestlé, Procter & Gamble e Unilever hanno dichiarato di aver interrotto gli investimenti in Russia, ma continueranno a fornire gli elementi essenziali.

Retail in Russia

Aziende come L’Oréal e Estée Lauder hanno chiuso i loro negozi e hanno cessato le vendite online. Nonostante lo scorso anno la Russia sia stato il quinto mercato retail europeo più grande del mondo. Quindi alcuni marchi potrebbero non voler bruciare i loro ponti, se c’è la possibilità di tornare in un secondo momento.

Ecco perché molte aziende, come per esempio Burberry e Chanel, hanno dichiarato di aver “sospeso” le vendite e chiuso temporaneamente i negozi piuttosto che ritirarsi del tutto.

Con le sanzioni che limitano le forme di pagamento e l’enorme incertezza sui prezzi futuri e sull’appetito dei consumatori, il clima aziendale è “estremamente impegnativo”.

I più grandi rivenditori di moda del mondo H&M e Inditex, hanno già sospeso le vendite, citando “tragici sviluppi” in Ucraina. Altri marchi come Nike hanno semplicemente affermato che al momento non possono garantire la consegna delle merci ai clienti in Russia.

Anche Levi’s, il brand di jeans divenuto simbolo del business post-sovietico in Russia, ha chiuso i suoi negozi.

La vendita di tecnologia in Russia

Samsung, il principale fornitore di smartphone in Russia, ha sospeso le spedizioni nel paese. Le giapponesi Sony e Nintendo hanno sospeso le consegne di console di gioco. Anche Apple ha sospeso le vendite in Russia e limitato Apple Pay e Apple Maps, inoltre i suoi negozi hanno chiuso.

Alcune aziende tecnologiche, inondate dalla disinformazione, stanno anche limitando i media collegati al Cremlino a pubblicare sulle loro piattaforme. Facebook è stato bloccato in Russia dopo aver affermato di essersi rifiutato di interrompere il controllo dei fatti e l’etichettatura dei contenuti delle organizzazioni di stampa statali.

Nel frattempo, TikTok ha bloccato tutti i contenuti non russi in Russia e sospeso lo streaming live, sebbene consenta ai contenuti storici caricati da account nazionali di rimanere online, inclusi i video di servizi multimediali sostenuti dallo stato.

La Russia limita l’accesso a siti Web occidentali

L’organismo di controllo dei media russo ha affermato di aver limitato l’accesso a diversi siti Web di media indipendenti, rafforzando i controlli su Internet più di una settimana dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina.

La Russia si è più volte lamentata del fatto che le organizzazioni dei media occidentali offrono una visione parziale – e spesso anti-russa – del mondo.

Tolto ciò, la Russia è sempre stata indipendente dal resto del mondo. La maggior parte dei russi utilizza Yandex e non Google. Yandex è un’ecosistema di servizi: utilizzato per consegna di cibo, e-mail, car sharing e scambio di denaro digitale.

Inoltre, attraverso la sua rete Russia Net, la Russia possiede un corrispettivo per quasi tutti i siti di e-commerce. Per esempio, se Booking non funziona più, loro utilizzeranno Travel.Yandex.

Perché i brand hanno chiuso in Russia

Le aziende non vogliono essere associate al regime russo e a ciò che sta accadendo in Ucraina.

La loro attività in Russia può essere redditizia, ma “il resto del mondo è più importante” quando si tratta di rischio reputazionale. Molti brand stanno dimostrando la loro vicinanza verso l’Ucraina, con donazioni di milioni di euro per contribuire ad aiutare gli ucraini.

Di e-commerce, retail ma anche di molto altro ne parleremo all’undicesima edizione di EcommerceDay! Il 29 e 30 settembre 2022 si terranno due giornate di formazione con i più grandi esperti di marketing digitale, ecommerce, new retail ed omnichannel in cui potrai approfondire le tue conoscenze nel settore e imparare direttamente dai migliori.

VISITA IL SITO UFFICIALE DI ECOMMERCEDAY